Wilson Greatbatch aveva 92 anni. Il primo apparecchio impiantato nel 1960: il paziente visse altri 18 mesi dopo

intervento per l'impianto di un pacemaker

E’ morto ieri sera a Buffalo (New York) Wilson Greatbatch, l’uomo che inventò il pacemaker. Aveva 92 anni. La causa della sua morte non è stata resa nota, ma il genero, Larry Maciariello, ha detto che la sua salute era “precaria”, scrive la Bbc.

Il primo pacemaker venne impiantato su un essere umano nel 1960: il paziente 77enne visse altri 18 mesi dopo l’intervento. Ogni giorno, centinaia di migliaia di persone ricevono un pacemaker ogni anno.

Ingegnere di formazione, Greatbatch fondò nel 1970 la Wilson Greatbatch Ltd. , azienda che produce batterie per i pacemaker.

© Riproduzione Riservata

Commenti