Operai Fiat in piazza a Roma. Nel corteo il sindaco e leader della Fiom: servono garanzie anche per l’indotto

protesta degli operai Fiat

Manifestazione degli operai della Fiat di Termini Imerese per le vie del centro di Roma. Alcune centinaia di operai hanno sfilato intorno a piazza Colonna e Palazzo Chigi. Il traffico è andato in tilt. Gli operai, in attesa dell’incontro di oggi alle 15 al ministero dello Sviluppo, hanno urlato slogan contro la Fiat e l’ad Sergio Marchionne, invocando “Termini Imerese non si tocca”.

In testa al corteo il sindaco di Termini Imerese, Salvatore Burrafato e il leader della Fiom, Maurizio Landini. “La soluzione per Termini Imerese non è in grado di dare lavoro a tutti per questo oggi chiederemo certezze e chiarezza al governo”. Questo il monito che il segretario della Fiom-Cgil ha rivolto al governo in attesa dell’incontro di questo pomeriggio con il ministro dello Sviluppo economico Paolo Romani sulla vertenza dello stabilimento siciliano della Fiat che chiuderà i battenti a fine anno.

Per Landini infatti l’esecutivo deve dare garanzie di occupazione per “Fiat e l’indotto. Si tratta – ha spiegato – di 2.200 persone e fino a che non c’è una soluzione per tutti noi diciamo che la Fiat non se ne deve andare”.

© Riproduzione Riservata

Commenti