La cantante nel mirino della Guardia di Finanza: è indagata per aver nascosto ingenti somme di denaro

Marcella Bella

Marcella Bella è indagata per una evasione fiscale da circa 2,5 milioni di euro. L’artista catanese interprete di successi come Montagne verdi e Nessuno mai, è al centro delle indagini della Guardia di Finanza di Milano su una presunta frode fiscale da circa 450 milioni di euro in totale, e compare negli atti insieme ad altri venti nomi, tra cui quello del marito Mario Merello.

Grazie a false fatture per prestazioni mai effettuate la cantante è indagata per il reato di infedele dichiarazione dei redditi: in pratica la cantante, attualmente impegnata nel talent condotto da Barbara D’Urso Baila!, nella dichiarazione dei redditi 2003 avrebbe omesso– con il consorte e l’avvocato Fabrizio Pessina– “di rappresentare le disponibilità economiche in territorio estero pari a quasi 9.500.000 euro e, di conseguenza, evaso un’imposta di circa 2.500.000 euro”.

L’indagine, condotta dai pm Laura Pedio e Gaetano Ruta, ha portato alla luce, secondo la Guardia di Finanza, un gruppo criminale con base a Milano che operava in vari Paesi europei e negli Stati Uniti.
L’organizzazione, stando alla ricostruzione dell’accusa, era specializzata in operazioni societarie e negoziali effettuate col solo fine di trasferire e occultare capitali in Paesi offshore.

In particolare, i registi dell’associazione avevano costituito società ad hoc in vari paradisi fiscali che emettevano fatture false a fronte di contratti di servizi inesistenti, consentendo alle aziende italiane di abbattere il carico fiscale. Con l’aiuto dell’Agenzia delle entrate è stato accertato che i capitali illecitamente detenuti all’estero, attraverso operazioni di falsi scudi fiscali, ammontano complessivamente a 190 milioni.

© Riproduzione Riservata

Commenti