Stop al programma “Baila!”, il giudice sospende il format di Canale 5 a poche ore dalla messa in onda

Barbara D'Urso

Prima Milly Carlucci, poi addirittura la BBC. La nuova trasmissione di Barbara D’Urso Baila! aveva subito nelle scorse settimane diverse accuse di plagio. Ora, dopo una lunga e controversa battaglia giudiziaria, è arrivata la sentenza del giudice: il tribunale ha bloccato Baila!, a poche ore dal debutto in prima serata.
Il giudice Gabrielle Muscolo del tribunale civile di Roma ha accolto la richiesta presentata da Milly Carlucci, assistita dall’avvocato Giorgio Assumma, per sospetto plagio ai danni di Ballando con le stelle.

Baila! è un adattamento italiano dello show argentino Bailando por un Sueno, contro il quale si era già scagliata la BBC, detentrice dei diritti di Strictly di cui Ballando con le stelle, in onda ormai da sei anni, è la versione italiana.

Secondo il Tribunale Civile di Roma, i due show, Baila! e Ballando con le stelle ”appaiono l’uno riproducente l’altro”, e ”pertanto a una delibazione sommaria ricorre la contraffazione di Ballando, e il relativo illecito per violazione del diritto di proprietà intellettuale”. Secondo il giudice, infatti, ”Ballando è caratterizzata da una creatività sufficiente a differenziarla da altre gare di ballo, creatività i cui caratteri di individualità sono principalmente l’accoppiamento di persone non note con personaggi noti, la selezione e l’eliminazione con la combinazione di una giuria del voto popolare e l’aggiudicazione di un premio”.

Elementi che, secondo il Tribunale, ”sono presenti anche nella concorrente trasmissione Baila” che, rispetto a Ballando, non possiede caratteristiche di differenza tali da poterle attribuire ”un gradiente creativo autonomo e diverso”. Per queste ragioni il giudice Muscolo ha stabilito lo stop alla messa in onda di Baila.

Nei giorni scorsi il regista e direttore artistico del programma, Roberto Cenci, aveva parlato di “situazione paradossale”, dal momento che “e’ stata intentata una causa prima ancora di vedere il programma

© Riproduzione Riservata

Commenti