Leader di Fli: “mettere fiducia sul ddl sarebbe atto di gravità inaudita. No all’uso personale delle istituzioni”

Gianfranco Fini

Sarebbe un fatto di “gravità inaudita” se il Governo mettesse la fiducia sul ddl intercettazioni. Lo ha detto il presidente della Camera Gianfranco Fini parlando a SkyTg24: “Mi auguro che almeno su questo argomento il governo rifugga dalla tentazione di mettere la questione di fiducia, saremmo in presenza di un fatto di inaudita gravità politica”.

Ha precisato Fini: “Non perché io sia contrario ad una legge che regoli in modo diverso l’utilizzo delle intercettazioni. Anzi, il ‘terzo polo’ metterà a punto una propria proposta in modo che alla magistratura sia consentito di usare le intercettazioni per le indagini, e al contempo si renda impossibile la divulgazione di intercettazioni che non hanno nulla a che vedere con il reato. Siamo perfettamente coscienti che ci sono problemi che vanno risolti, la cosa che non siamo disposti a tollerare è che si dia un colpo di spugna, si cancellino i processi, si accorcino o si allunghino i processi a seconda delle esigenze dell’imputato. Questo è un uso personale delle istituzioni, che una delle ragioni della mia dissociazione dal presidente Berlusconi un anno fa”.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=OaukoCAsz8E[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti