Dopo il crollo di ascolti, la Mirigliani contro la Rai: “mi sono rotta le scatole, voglio la stessa dignità di Sanremo”

Patrizia ed Enzo Mirigliani

Share in forte calo e Patrizia Mirigliani se la prende con la Rai. Anzi, con Rai1. «Dateci gli ingredienti! Le nozze con i fichi secchi non si possono più fare, e non è giusto quello che accade. Mi sono rotta le scatole, siamo al punto che non c’è ancora il presidente di giuria… Miss Italia merita pari dignità del Festival di Sanremo, visto che è un evento al quale l’azienda Rai ci tiene».

È stato un attacco frontale e anche inatteso quello che di slancio è arrivato dalla patron del concorso durante un incontro stampa convocato su due piedi, una volta visti gli ascolti della prima delle due serate di finale: ieri 2 milioni e 835mila spettatori, cioè circa 600mila meno di un anno fa, e share al 16,20 per cento, cinque punti e mezzo al di sotto dell’ascolto della prima serata di un anno fa. Sotto accusa il fatto – ha denunciato la patron – che su Miss Italia non c’è quella premura, quell’attenzione che invece la rete, l’azienda, dedica al Festival, a cominciare dagli ospiti che sono sempre l’elemento di traino degli ascolti.

«Le finali di Miss Italia sono la punta di un iceberg di un lavoro che inizia a febbraio, 600 selezioni in tutta Italia. Fa paura – ha detto Mirigliani – un concorso con tanti anni dietro, fiore all’occhiello della Rai, fa paura che il concorso consegni alla Rai sponsor, ragazze corrette. Quanto siamo importanti per la Rai? Quanto investe la Rai su questo evento che merita rispetto e amore? Perchè non possiamo conoscere fino in fondo i contenuti autorali? Perchè non possiamo avere gli ospiti che ha Sanremo?», la raffica di interrogativi che, seppure avanzati con tono calmo, a stento nascondono la rabbia della patron del concorso.

La prima voce targata Rai è stata quella di Fabrizio Frizzi, che subito si è assunto ogni responsabilità per quanto riguarda la serata di domenica, ovvero un’impostazione della trasmissione che prevedesse a ogni selezione la valorizzazione delle ragazze rimaste in gara, anzichè puntare con la telecamera sulle eliminate. Questo nuovo meccanismo ha finito con l’allungare i tempi dello spettacolo e può aver contribuito a far pendere verso il basso gli ascolti. Frizzi però ha tenuto a dire che questa sua impostazione ha una motivazione di fondo a cui non ha inteso derogare: «il rispetto per le ragazze in gara, farle conoscere, rivedere. In tre minuti non voti 60 ragazze, le prendi in giro. Serata lunga perchè abbiamo dato spazio alle ragazze».

© Riproduzione Riservata

Commenti