Solo ipotesi ma nessuna traccia concreta: le indagini sulla scomparsa di Alessia e Livia ad un punto morto

le gemelline Alessia e Livia

Ogni cosa sembra tacere intorno al caso delle gemelline Schepp, scomparse il 30 gennaio, rapite dal padre Matthias poi morto suicida. Tutto fa suporre che le indagini e le ricerche, a questo punto, siano state abbandonate o stiano inesorabilmente dirigendosi verso l’archiviazione.

Le ricerche sono proseguite per mesi, tra false speranze e nuovi elementi, avvistamenti, verifiche, ma adesso pare che la vicenda non interessi più, “non faccia più notizia”.

Le indagini sono state chiuse? Non esiste al momento nessuna comunicazione ufficiale in merito, eppure gli esami della Polizia Scientifica sulle tracce di saliva trovate nel bagagliaio dell’auto di Schepp sono comunque una traccia più che valida per non arrendersi.

Le ultime segnalazioni sulle gemelline risalgono alla prima settimana di luglio quando alcune testimonianze affermano di aver visto Alessia e Livia Schepp sulla spiaggia di Termoli in compagnia di due nomadi. Tutto pare fermarsi qui.

Nonostante i disperati appelli della madre, Irina Lucidi, rivolti alla polizia svizzera titolare del caso ed alle varie altre autorità preposte, sembra che le indagini siano arrivate ad un punto morto.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=p8_5FT33QPw[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti