Dopo 10 anni e tanti morti, i militari americani sono ancora in Afghanistan: la missione terminerà nel 2012

marine in Afghanistan

Sono passati dieci anni dall’11 settembre 2001, e la guerra in Afghanistan, iniziata dal presidente Bush poco meno di un mese dopo l’attacco terrorista al World Trade Center, per alcuni militari statunitensi continua ancora. Sono i marine che, nell’ambito della exit strategy, hanno il compito di eliminare entro il prossimo anno tutti i focolai di ribellione. Una missione che resta difficile, avendo anche perso parzialmente l’appoggio della Nato, e che porta i soldati ad essere spesso esposti al fuoco nemico.

“Mi hanno sparato durante una ricognizione – racconta il caporale Edwin Benitez – io sono il primo uomo della mia squadra e stavo controllando la strada con un metal detector”. Ancora guerra vera, dunque, pur tanti anni e tanti annunci dopo quel tragico giorno in cui Al Qaida scosse l’opinione pubblica mondiale con gli attentati contro l’America.

“Non mi aspettavo che saremmo stati ancora qui – ammette il sergente James Fogle – e siamo ancora qui. Non mi aspettavo quantomeno questa intensità bellica”.

L’11 settembre, comunque, molti dei militari di stanza a desso a Helmand erano solo dei ragazzi, e ognuno ricorda bene dove fosse quel giorno: a scuola, in vacanza o attaccati al telefono per avere notizie di parenti e amici.Dieci anni dopo, le Twin Towers sono un triste ricordo. L’Afghanistan è invece un presente che dura da un decennio e da cui non si capisce ancora quando scaturirà un futuro, che tutti si augurano migliore.

[dailymotion]http://www.dailymotion.com/video/xkzqf5_dossier-11-9-la-guerra-continua-per-i-marine-in-afghanistan-dieci-anni-dopo-le-torri-gemelle-voci-da_news[/dailymotion]

© Riproduzione Riservata

Commenti