Thomas Von Essen, funzionario al comando Vdf nel 2001, racconta la tragedia: “le torri erano un inferno”

11/9, pompieri salvano alcune vite

“Per me era un giorno come gli altri, un giorno di lavoro. Ero nel mio ufficio e ho ricevuto una chiamata in cui mi dicevano che un piccolo aereo si era schiantato nella torre Nord”. E’ cominciato così l’11 settembre di Thomas Von Essen, funzionario dell’amministrazione Giuliani nel 2001 al comando del Dipartimento dei vigili del Fuoco di New York.

Il suo ufficio era vicino alle Twin Towers, così è andato immediatamente sul posto; lì si è reso conto che non si trattava di un piccolo aereo, ma di una tragedia enorme.”Mi ricordo che eravamo nella Torre Nord e sentivamo tutte queste vibrazioni che arrivavano dai piani superiori. Sembrava un inferno. Downey, capo delle operazioni speciali e un esperto di crolli, mi ha detto: ‘questi edifici possono collassare’. Io ricorderò per sempre i suoi occhi, non c’era paura, non c’era la preoccupazione di chi deve uscire immediatamente perché sta per succedere qualcosa, c’era solo professionalità”.
Downey morirà nel crollo della Torre, insieme con il capo operativo dei Vigili del Fuoco e altri 342 pompieri. Von Essen si è salvato perché il sindaco Rudolph Giuliani, poco prima del crollo, gli ha chiesto di rientrare per affiancarlo al centro di comando per gestire la crisi. Dalla tragedia, come tanti altri, è stato segnato per sempre e poco dopo l’11 settembre ha lasciato il suo incarico.”Evito Ground Zero – dice – a meno che non debba partecipare a una cerimonia per onorare persone a me care, non ci vado mai”.
[dailymotion]http://www.dailymotion.com/video/xkzpzp_11-9-il-dramma-dei-pompieri-nel-racconto-dei-sopravvissuti-thomas-von-essen-guidava-il-dipartimento_news[/dailymotion]

© Riproduzione Riservata

Commenti