Misteri e bugie dietro gli attentati che hanno sconvolto l’America e il mondo: strage o terrificante complotto? 

la tragedia dell'11 settembre

L’11 settembre di dieci anni fa, gli Stati Uniti d’America soccombevano alla violenza di Al Qaida.Il mondo si fermò incredulo dinanzi  alla morte di circa 3000 persone. Sgomento, dolore, impotenza, questi, i sentimenti che unirono l’umanità intera. Quelle immagini di disperazione rivivono nella nostra memoria.

L’attacco terroristico fu rivendicato da Osama Bin Laden, fondatore di Al Qaida, che sembrerebbe essere morto, e qui il condizionale è d’obbligo, considerate le notizie frammentarie sulla sepoltura dello stesso. Ancora ci si chiede il perché di questa efferata violenza. Quali accordi non rispettati, tra l’allora governo Bush e il re del terrore, si celano dietro questa tragedia umana? E i servizi segreti statunitensi quale ruolo ebbero in questa mattanza? Chi sapeva?

All’indomani di ogni tragedia che si rispetti, video shock e verità vengono a galla. Sembrerebbe che le Torri fossero state private di energia elettrica qualche giorno prima della tragedia, si disse, per pianificare l’interruzione di tutti i sistemi bancari. Testimoni, asseriscono che in quei giorni, strani operai si aggiravano nel complesso, agli impiegati fu detto che erano in corso lavori di manutenzione alle cablature internet.

L’assenza, dunque, di energia elettrica comportava l’assoluta mancanza di tutti i sistemi di sicurezza, quindi chiunque sarebbe potuto entrare indisturbato. Sembrerebbe anche, che sino allora, tali tipi di manutenzione, non fossero mai stati eseguiti. Tuttavia, non fu mai dichiarato che a capo della società di servizi di sicurezza c’era il fratello dell’ex presidente degli stati uniti George Bush.

Purtroppo, sembra che le tragedie non hanno mai fine. Le Torri erano sostenute da travi di acciaio che furono rivestite con amianto ignifugo, materiale, il cui utilizzo fu vietato a partire degli anni ottanta.  La polvere causata dal crollo del complesso era composta di amianto, benzene, vetri, molto nociva una volta inalata, tant’è che molti dei soccorritori si sono ammalati di cancro ai polmoni e i cani utilizzati per la ricerca dei superstiti, sono morti. Stranamente, il capo della società incaricata per la ripulitura delle travi, il cui lavoro di manutenzione fu dispendioso e impossibile a realizzarsi, era il cugino di Bush.

Sembrerebbe, inoltre che, ancor prima della caduta delle torri un nuovo progetto per il rinnovamento urbano era pronto e, la location per lo sviluppo di quest’area fosse proprio quella dove sorgevano le Torri. Costruite nel 1960 per rigenerare una zona degradata di New York, erano divenute un peso per l’amministrazione americana, poiché il costo per la loro gestione era diventato, negli anni, insostenibile. Quarant’anni dopo, per fortuna o per volontà di chissà quale mente folle, quella zona è nuovamente da ricostruire.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=PCTCtRHK7hA[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti