Allarme della Nasa: alcuni detriti del corpo arriveranno sul nostro pianeta ma non si sa dove precisamente” 

allarme satellite

Un vecchio satellite pesante 7 tonnellate rientrerà nell’atmosfera alla fine di settembre o ai primi di ottobre: la Nasa prevede che non si disintegrerà completamente e che alcuni detriti potranno cadere sulla Terra ma, al momento, non si può prevedere dove. L’Upper Atmosphere Research Satellite (Uars), posto in orbita nel 1991 per studiare l’interazione tra l’atmosfera terrestre e il Sole, dimostrò la presenza dei buchi nell’ozono.

Il satellite, costato 750 milioni di dollari, misurava infatti la concentrazione di gas, e dimostrò senza ombra di dubbio l’impatto dei Cfc nell’apertura dei buchi nella fascia di ozono sui poli. Spento nel 2005, Uars è rimasto in orbita inattivo. Ora si trova a 250 km di altezza con un’inclinazione di 57 gradi.

© Riproduzione Riservata

Commenti