Premier chiede alla Camera l’inutilizzabilità delle intercettazione e fa leva sull’art. 68 della Costituzione

Silvio Berlusconi in una vignetta sul caso Ruby

Silvio Berlusconi ha presentato, tramite il suo avvocato Ghedini, una lettera alla Camera nella quale si evidenzia l’inutilizzabilità delle intercettazioni riprese dai cellulari delle varie ragazze presenti alle feste del Premier.

Il Premier ha dato le sue ragioni riguardo questa vicenda facendo leva sull’articolo 68 della Costituzione: “Come si potra’ evincere dagli atti si era chiesto al Tribunale di pronunciarsi anche sull’utilizzabilita’ o meno delle intercettazioni telefoniche essendo queste state disposte, in violazione dell’articolo 68 della Costituzione.

Si richiedeva anche al Tribunale si pronunciasse sull’utilizzabilita’ o meno dei tabulati telefonici, della legittimita’ dell’individuazione delle celle telefoniche impegnate, nonche’ della correttezza in ordine all’acqusizione di copiosa documentazione bancaria e cio’ sempre in relazione all’articolo 68 della Costituzione.

Il Tribunale pero’ ometteva di assumere una decisione in merito. La prossima udienza dibattimentale e’ fissata per il 3 ottobre 2011 e in quella data si dovra’, fra l’altro, ai sensi dell’articolo 493 del C.p.p formulare le eventuali richieste di acquisizione anche del materiale indagine sopradescritto.”

Per il Caso Ruby Berlusconi ritiene le intercettazioni inutilizzabili, ora bisognerà capire come la Camera si muoverà dopo aver ascoltato le parole di Berlusconi. La non presa di posizione da parte del Tribunale lascia pensare che la Giunta debba a questo punto ascoltare con molta attenzione la lettera rilasciata da Berlusconi proprio ieri sera alla Camera.

Nel Caso Ruby l’inutilizzabilità delle intercettazioni diventa a questo punto un fattore importante esposto dal Presidente del Consiglio per difendersi dalle varie accuse subite in questo processo in cui è coinvolto. Si fa leva quindi sull’articolo 68 della Costituzione, il Caso Ruby potrebbe a questo punto prendere una piega diversa diversa.

Berlusconi sa il fatto suo e la decisione della Giunta, secondo quanto esposto dal Presidente del Consiglio, potrebbe essere anche positiva nei riguardi del Premier.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=SA5aVyZjNrI[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti