Sgomento in Argentina per la fine dell’11 enne Candela Sol Rodriguez, in mano ai sequestratori per 9 giorni

Candela Sol Rodriguez

Orrore e indignazione, in Argentina, il ritrovamento del corpo, martoriato e denudato, di Candela Sol Rodriguez, una bambina di 11anni rapita 9 giorni fa e ritrovata in un sacchetto della spazzatura abbandonato sul ciglio della strada vicino alla casa dei genitori.

La vittima, morta asfissiata, era scomparsa nel vuoto a Hurlingham, il suo quartiere alla periferia di Buenos Aires, mentre andava in parrocchia per la riunione degli scout. A ritrovarla la madre, ora in stato di shock. Nei giorni scorsi la famiglia di Candela aveva ricevuto diverse telefonate minacciose: «Se non pagate entro la fine della settimana, la bambina sarà sacrificata».

Tuttavia quella del rapimento a fini estorsivi non è l’unica pista seguita dagli inquirenti. Tra le ipotesi anche un possibile traffico di esseri umani o a una ritorsione. In questo ultimo caso l’uccisione di Candela sarebbe una vendetta nei confronti del padre della 11enne, attualmente in carcere per il furto di un camion.

Grande la mobilitazione per la bambina, a Hurlingham e non solo. Il governo cittadino aveva promesso una ricompensa di 100mila pesos (circa 18mila euro) a chiunque fosse stato in grado di fornire notizie utili al ritrovamento. Un centinaio di abitanti del sobborgo poco distante da Buenos Aires erano scesi in strada per manifestare la propria solidarietà alla famiglia di Candela e in molti ora chiedono giustizia tramite i social network.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=pvntntcbXIE[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti