Salvatore temeva di dover mantenere la moglie in caso di divorzio: lo rivela Imma, amica del cuore della Rea

Melania Rea

Salvatore Parolisi era preoccupato di dover mantenere Melania, se avessero divorziato. Lo dice Immacolata Rosa, una delle due amiche del cuore della donna uccisa, ascoltate in procura a Teramo dagli inquirenti.

In una intervista alle reti Mediaset “Imma” ipotizza un movente economico del delitto oltre a quello passionale, ripercorre gli ultimi mesi di vita di Melania attraverso le sue confessioni, i ricordi e i sospetti sui problemi che affligevano la coppia.

Salvatore Parolisi era preoccupato di una possibile separazione?
“Sì penso che lui avesse problemi a lasciare Melania, in quanto a lei spettava il mantenimento, e un po’ di soldi. Quindi era un problema anche dal punto di vista economico”.

Dopo tre ore di interrogatorio con gli inquirenti lei ha confermato i suoi sospetti su Parolisi…
“Sì, ma penso che tutta Italia la pensi così. E’ in carcere da un mese con accuse gravissime. Sono usciti molti elementi contro di lui. E’ normale che io pensi: “sì, potrebbe essere stato lui. Perché il contrario?”

Come viveva Melania l’ultimo periodo prima della sua morte?
“Era triste, nervosa. Io pensavo che fosse colpa del fatto che era sempre sola. Il marito era spesso lontano. Con una bambina piccola non è facile. Era molto giù. Aveva perso il sorriso”.

Si ricorda di quando Melania le ha confessato il tradimento del marito con la sua allieva presso la caserma di Ascoli, Ludovica?
“Lei un anno fa aveva scoperto questa relazione. Ma pensava fosse solo l’avventura di una notte. Ma poi si è scoperto che non era finita là”.

Lei lo aveva sospettato?
“Si e no, ognuno ha delle impressioni. Ma me le sono tenute per me”.

Lei crede che Parolisi fosse preoccupato per le prospettive economiche di un eventuale divorzio da Melania?
“Lo era. Si è visto anche dai messaggi su Facebook. Dalle cose che aveva scritto a Ludovica. Lui era molto preoccupato”.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=ezt8PpWUGVU[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti