Il Cardinale Bagnasco: “problema grave e urgente, serve una grande conversione culturale e sociale”

cardinale Angelo Bagnasco

La questione morale in politica, come in tutti gli altri ambiti del vivere pubblico e privato è grave e urgente e non riguarda solo le persone ma anche le strutture e gli ordinamenti». Lo ha detto il cardinale Angelo Bagnasco nell’omelia pronunciata a Genova in occasione della festa della Madonna della Guardia.

Secondo il cardinal Bagnasco, «nessuno può negare l’impegno generoso e la rettitudine limpida di molti che operano nel mondo della politica e della pubblica amministrazione, dell’economia, della finanza e dell’impresa. A loro va rinnovata stima e fiducia. Ciò non di meno, la questione riguarda tutti come un problema non solo politico, ma culturale ed educativo».

«Non si tratta in primo luogo di ’farè diversamente – ha detto ancora il porporato – ma di ’pensarè diversamente, in modo più vero e nobile se si vuole purificare l’aria, e i nostri giovani non siano avvelenati nello spirito. So bene – ha aggiunto – che il compito è arduo perchè si tratta di intaccare consuetudini e interessi vetusti, stili e prassi lontani dall’essenziale e dalla trasparenza, dal sacrificio e dal dovere, ma è possibile perch‚ la gente lo chiede e perchè è giusto».

Da qui l’appello a «chi ha responsabilità pubbliche oggi e domani» perchè «ha questo primario dovere e onore» ossia «mettere in movimento delle decisioni puntuali e coraggiose perchè la “cultura della vita facile” ed egoista ceda il passo alla “cultura della serietà”».

© Riproduzione Riservata

Commenti