Rossoneri e Real Madrid d’accordo sul prestito gratuito e riscatto a 15-20 milioni. Ora tocca a Ricky decidere

Ricardo Kakà

Dopo mesi di taciti sondaggi e uno stillicidio infinito di voci, più o meno attendibili, sono ore cruciali per il possibile ritorno di Kakà al Milan. Il Real è pronto a cederlo e liberarsi di un ingaggio a dir poco pesante.

“Ho sempre detto che voglio restare qui”, ha detto Kakà, che ha ritrovato il gol e il sorriso nella travolgente vittoria per 6-0 del Real Madrid all’esordio nella Liga sul campo del Saragozza. Il brasiliano, che nelle due sfide di Supercoppa spagnola contro il Barcellona aveva giocato solo una manciata di minuti, è entrato in campo al 77′ al posto di Ozil e si è reso subito protagonista segnando un gran gol con un destro a giro e firmando l’assist per il definitivo 6-0 firmato da Cristiano Ronaldo.

Ma il giocatore sa benissimo che lo attende la panchina a Madrid e le voci su un suo possibile ritorno al Milan in questi ultimi due giorni di mercato si fanno sempre più insistenti.

Kakà ha incassato la fiducia di José Mourinho: “Lui è un mio giocatore – dice lo Special One – e non ha perso un solo giorno di allenamento durante la preparazione estiva. Sono molto soddisfatto della sua prova”. Lo Special One ha però aggiunto che “il titolare è Ozil”. 

Adesso Kakà deve decidere se restare da riserva di lusso al Real oppure optare per il grande ritorno al Milan. Si decide tutto in 48 ore: i tifosi del “Diavolo” sono in attesa di un “sì” del loro indimenticato idolo.

© Riproduzione Riservata

Commenti