Nel bunker del colonnello trovato dai ribelli un album fotografico dedicato all’ex segretario di Stato Usa

l'album custudito dal raìs

Dalle macerie del bunker di Muammar Gheddafi spunta un album di foto interamente dedicato ad una donna della politica internazionale: Condoleezza Rice. Il raìs pare avesse un debole per l’ex Segretario di Stato americano che incontrò nel 2008 durante una cena dopo il Ramadan.

Avrà anche due mogli (e otto figli) –  oltre che uno stuolo di amazzoni pronte a seguirlo avunque (almeno fino a poco tempo fa) – ma Muammar Gheddafi ha custodito oltre mille immagini della donna amata. Pare infatti che nel bunker di Tripoli sia stato trovato un album pieno di fotografie di Condoleezza Rice, l’ex Segretario di Stato americano al fianco di Bush.

Una scoperta curiosa, ma forse non inaspettata: il leader libico infatti aveva più volte espresso la sua ammirazione per la Rice, addirittura definita come “la mia cara donna nera africana”. Non è l’unica stranezza scoperta dallo “scoperchiamento” dei bunker del Colonnello. Tra divise bizzarre, arredamento di cattivo gusto e gingilli da Luna Park, Gheddafi passerà alla storia come principe del kitsch.

Innamorato di Leezza – In un’ intervista ad al-Jazeera , il colonnello aveva detto: “La ammiro molto e sono fiero del modo in cui dà ordini ai leader arabi. Leezza, Leezza, Leezza, la amo moltissimo, la ammiro perché è una donna nera di origini africane”. Poi, il l’incontro incontro, nel 2008 in Libia dove la Rice si recò in visita.

In quell’occasione, i due cenarono insieme e la Rice fu ricoperta di doni. Il colonnello l’aveva accolta con un pasto tradizionale del ramadam e un anello di diamanti, un liuto, un cofanetto con l’incisione del viso del colonnello all’interno e un’edizione de Il libro verde, un manifesto politico scritto dallo stesso Gheddafi. Regali di 212mila dollari.

Addirittura si vocifera che Gheddafi sarebbe arrivato ad offrire una fortuna, tanti soldi, alla Rice per una notte d’amore con lui….

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=dk0ClWBPwmA[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti