Tragica fine di un giovane che dalla Ss114 si lancia nella baia. Il gesto forse per una delusione d’amore

la galleria paramassi che si affaccia su Isolabella

Tragica fine per un ragazzo che giovedì sera si è suicidato gettandosi da una galleria che si affaccia sulla baia di Isolabella, a Taormina.  

La vittima è un 18enne originario di San Gregorio (Catania), che si trovava a Taormina insieme ai propri genitori. All’improvviso, intorno alle 23.20, poco prima di andare a cenare in un ristorante della zona, il dramma: il giovane si è allontanato dai suoi cari ed ha iniziato a correre verso la galleria paramassi nel tratto che in via Nazionale si affaccia su Isolabella.

Il ragazzo ha scavalcato la balconata che all’altezza della SS114 delimita la carreggiata stradale e, senza esitazioni, si è lanciato compiendo un drammatico salto nel vuoto di circa 15 metri verso il precipizio.  

Sul posto sono subito arrivati i medici e soccorritori del Sues 118 e gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Taormina. Vano però si è rivelato ogni tentativo di provare a soccorrere e rianimare il malcapitato. Non c’era più niente da fare. Troppo violento l’impatto col suolo.

La vittima aveva con sè in tasca un bigliettino, sul quale c’era scritto: “ti voglio bene”. A quanto pare un ultimo pensiero d’affetto rivolto all’indirizzo della madre e scritto mentre probabilmente era ormai maturata la volontà di compiere il gesto estremo.

Ancora da accertare le cause che hanno portato il ragazzo al suicidio. Si parla di un momento di depressione e viene ipotizzata una delusione d’amore ma non ci sono conferme a riguardo. Al momento, non ci sono conferme in tal senso. L’unica certezza è una vita prematuramente spezzata a soli 18 anni e il dramma dei genitori che hanno assisitito con i loro occhi a quanto avvenuto.

© Riproduzione Riservata

Commenti