L’uragano è vicino alla costa-est degli Usa. Obama: “prepariamoci al peggio, sarà un evento storico”

l'uragano Irene in arrivo

L’uragano Irene “è estremamente pericoloso, se sarà necessario evacuare, fatelo. Prepariamoci alla tempesta”. Barack Obama parla all’America a poche ore dal temuto arrivo di Irene, “un uragano – così lo definisce – di portata storica”, sulla costa est degli Stati Uniti.

Il presidente, il cui rientro a Washington è previsto da programma domani, ha rivolto un appello ai residenti delle zone più minacciate dalla furia dell’uragano a seguire attentamente l’evolversi della situazione e a prendere sul serio eventuali ordini di evacuazione.

“E se vi viene ordinato di lasciare la zona, per favore seguite l’ordine” si è raccomandato il presidente assicurando che “questa amministrazione sta dando il pieno sostegno agli sforzi per prepararci ad affrontare la tempesta”.

Anche New York si prepara al peggio: il sindaco Michael Bloomberg deciderà a breve eventuali evacuazioni mentre il governatore dello Stato di New York, Andrew Cuomo, ha dichiarato lo stato di emergenza. E il fenomeno potrebbe provocare un evento mai accaduto nella storia della metropoli: la chiusura, probabilmente da sabato, dell’intero sistema dei trasporti pubblici.

La Mta, l’autorità cittadina dei trasporti, ha annunciato ieri l’avvio – per la prima volta, appunto – del “piano uragani”, che prevede lo stop totale di metropolitana, treni e autobus quando il vento supera la velocità sostenuta di 39 miglia l’ora (62 chilometri orari).

[dailymotion]http://www.dailymotion.com/video/xkqbnd_l-uragano-del-secolo-irene-minaccia-new-york_news[/dailymotion]

© Riproduzione Riservata

Commenti