L’imprenditore avrebbe offerto 56 milioni di euro per rilevare la proprietà di uno dei tre quotidiani regionali

Carlo De Benedetti

Carlo De Benedetti, presidente del Gruppo Editoriale L’Espresso, avrebbe offerto ad Antonio Ardizzone 56 milioni di euro per l’aquisto del Giornale di Sicilia.

Lo rivela “Siciliainformazioni”, che sottolinea come l’interesse dell’imprenditore torinese Carlo De Benedetti sia una “sorpresa, ma a renderla plausibile c’è il recente versamento di 560 milioni di euro da parte della Fininvest a conclusione di un lungo braccio di ferro giudiziario durato quasi diciotto anni”.

Se la proposta di acquisto non fosse una “boutade” ed andasse a buon fine, la vendita di uno dei quotidiani più antichi d’Italia avrebbe molteplici implicazioni.

Infatti, “l’acquisto del Giornale di Sicilia – scrive “Siciliainformazioni” regalerebbe al Gruppo L’Espresso una presenza “ingombrante” in Sicilia”.

Ad esempio, sotto il profilo pubblicitario, perché la concessonaria Manzoni, che “gestisce la pubblicità “aziendale”, acquisirebbe una posizione di rilievo”, a scapito della Publikompass, l’azienda che adesso gestisce attualmente gli spazi promozionali dei tre quotidiani siciliani (Giornale di Sicilia, La Sicilia e la Gazzetta del Sud).

Comunque, conclude “Siciliainformazioni”, “la proposta di De Benedetti appare ben più solida, stando alla congruità. Ha tuttavia il difetto di non essere stata confermata dagli interessati. Può quindi trattarsi di una notizia filtrata per saggiare il mercato, un ballon d’essai, o qualcosa di simile. La riservatezza è d’obbligo, in questi casi, ma la fonte dalla quale l’abbiamo appresa appare meritevole di credito“.

© Riproduzione Riservata

Commenti