Secondo uno studio dell’Università del Queensland la televisione ha lo stesso effetto “letale” delle sigarette

guardare la tv fa male?

Stare davanti alla televisione per un’ora accorcia la vita di 22 minuti. Questo il risultato, per certi versi scioccante, di uno studio australiano pubblicato sul British Journal of Sports Medicine, condotto dai ricercatori dell’università del Queensland su dati relativi a 11.000 adulti sopra i 25 anni.

Paragonato al vizio del fumo, inoltre, 60 minuti davanti allo schermo genera lo stesso effetto di due sigarette.

Quindi, tre ore di televisione al giorno (sommando l’edizione di un telegiornale ed un buon film o una partita di calcio) causerebbero poco più di un’ora sottratta alla vita.

L’allarme è stato dato dagli scienziati australiani che hanno anche stimato che nel 2008 gli adulti della terra dei Canguri, over 25, hanno trascorso 9,8 miliardi di ore davanti al video, ovvero 286.000 anni di vita persi prematuramente. E da ciò deriva il dato dei 22 minuti ogni ora.

Questo perché, secondo gli studiosi australiani, “il tempo trascorso guardando la tv è associato ad una riduzione dell’aspettativa paragonabile a quella legata ai principali fattori di rischio per malattie croniche, come l’inattività fisica o l’obesità“.

Infine, chi sta davanti allo schermo per almeno 6 ore al giorno rischierebbe di morire quasi 5 anni prima di chi, invece, non lo accende.

Un altro motivo in più, dunque, per preferire l’uscita serale alla televisione. A meno che non si vada al cinema…

© Riproduzione Riservata

Commenti