Altri 280 extracomunitari, a bordo anche 43 donne e 4 bambini. In due giorni arrivati oltre 2mila immigrati

nuovi sbarchi a Lampedusa

Sono giunti a Lampedusa ieri in tarda serata i 280 migranti che erano su un barcone avvistato ieri mattina da un aereo della guardia costiera a 50 miglia dall’isola. Il barcone e’ stato agganciato da tre motovedette e guidato in porto. A bordo vi erano anche 43 donne e 4 bambini. I profughi sono in buone condizioni di salute. Dopo essere stati assistiti e rifocillati sulla banchina del porto, tutti sono stati accompagnati nei centri d’accoglienza per le procedure di identificazione.

Da due giorni è ripresa la forte ondata di approdi, che ha portato a Lampedusa oltre 2mila immigrati. Complessivamente, durante la giornata di ieri, sono stati 1106 gli immigrati sbarcati nel corso di quattro approdi. Il più consistente è stato lo sbarco avvenuto nel primo pomeriggio, quando a Lampedusa è arrivata un’imbarcazione con 404 profughi in fuga dalla Libia. In mattinata, prima dell’alba, erano già arrivati 422 immigrati a bordo di altre due imbarcazioni.

Sul fronte dei trasferimenti, invece, 1136 extracomunitari sono stati imbarcati ieri pomeriggio sul traghetto “Moby Fantasy”. La nave, partita alle 22.30, sta facendo rotta verso Catania, dove lascerà 334 persone destinate al centro di Mineo. Il traghetto quindi ripartirà per la Puglia. Una volta lì, 200 immigrati andranno in Molise; i restanti invece saranno ospitati a Manduria. Le operazioni di trasferimento degli extracomunitari sono coordinate dal Dipartimento della Protezione Civile.

In giornata, a Cala Pisana, la nave “Audacia” della flotta Grimaldi imbarcherà altri 450 profughi. Il traghetto domani farà tappa a Cagliari, dove lascerà 100 persone, e poi ripartirà per Genova.
 

Al momento non sono segnalati nuovi avvistamenti di barconi nel Canale di Sicilia, e al termine delle operazioni di trasferimento previste per oggi, a Lampedusa resteranno poco meno di 1200 immigrati. Tra loro 206 tunisini, tra i quali 7 minori.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=64QIkkOsmew[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti