Giallo sulle voci non confermate di un’inchiesta per aver tentato di estorcere false dichiarazioni ad un carabiniere

Giuseppe Pignatone

Giuseppe Pignatone, procuratore della Repubblica del tribunale di Reggio Calabria, indagato per aver tentato di estorcere dichiarazioni false a un carabiniere, il capitano Saverio Spadaro Tracuzzi (che adesso si trova in carcere) contro i magistrati reggini Cisterna, Mollace e Neri.

Lo sostengono alcune indiscrezioni, riprese ieri anche da Sky Tg 24, ma la Procura di Santa Maria Capua Vetere ha smentito: “Escludo nel modo più assoluto che il collega Giuseppe Pignatone sia iscritto nel registro degli indagati”, ha affermato il capo della procura campana, Corrado Lembo.

Oltre a Pignatone, comunque, sono stati fatti i nomi anche di Renato Cortese, capo della Squadra Mobile della Questura, e di Stefano Russo, comandante del Ros dei carabinieri della città calabrese.

Pignatone ha affermato di non sapere “nulla di quest’inchiesta, ma sono sicuro che la correttezza e la linearità dell’operato della procura e della polizia giudiziaria di Reggio Calabria potrà essere accertata in qualunque sede”.

Intanto, pare sempre più forte l’ipotesi dell’addio di Pignatone alla Procura di Reggio Calabria. Secondo quanto risulta a Radio24, infatti, il procuratore avrebbe presentato domanda per sostituire a Napoli Giandomenico Lepore, che ha raggiunto l’età pensionabile.

© Riproduzione Riservata

Commenti