L’attrice è protagonista con i comici siciliani di “Anche se è amore non si vede”, da novembre al cinema

Ambra Angiolini

Ficarra e Picone saranno due guide turistiche torinesi in “Anche se è amore non si vede”, al cinema dal 25 novembre. Viaggeranno su un bus alla scoperta della città e si troveranno in una girandola di equivoci sentimentali con Ambra Angiolini, Diane Fleri e Sascha Zacharias. Ambra sarà la fidanzata di Picone: “Non so quale cifra le abbiano potuto offrire e, sinceramente, non so neppure perché abbia accettato”, ha detto ironicamente Ficarra.

“Ambra ha fatto la fidanzata di Picone, un ruolo molto più che difficile per chiunque – ha dichiarato Salvo Ficarra al settimanale A -. Rendiamoci conto: essere la fidanzata di Picone, anche solo nella finzione, dev’essere un’esperienza da non augurare a nessuno. Ai casting per il film tante attrici si erano proposte per gli altri ruoli, ma nessuna voleva fare la fidanzata di Picone. (…) Miracolosamente si è proposta Ambra (…) Non voglio malignare ma evidentemente aveva un bisogno disperato di lavorare. Parlo per esperienza personale”.

Picone durante la presentazione alla stampa del film ha parlato di Torino: “E’ una città bellissima, europea. Ha solo un problema: i banconi dei bar, sono troppo intasati di cose, a volte per prendere il caffè faccio la coda da solo!”.

In “Anche se è amore non si vede” Ficarra e Picone interpretano due guide turistiche di Torino, in una girandola di equivoci sentimentali con il terzetto muliebre. La bionda e bella attrice svedese Sascha Zacharias ha dichiarato di apprezzare molto il duo, “perché sono registi capaci di lasciare libertà creativa agli attori”, il copione, niente piu’ di un canovaccio, una traccia.

“Pare strano che due siciliani come noi facciano le guide turistiche a Torino? Non ci sembra, parlando con le guide vere abbiamo faticato a trovare dei torinesi” ha chiosato Ficarra, sottolineando una realtà storica: sotto la Mole gli immigrati sono molti, sia ormai da generazioni venute dal Sud sia da altri Paesi.

Non era ancora accaduto a Ficarra e Picone, che recitano e dirigono il film mantenendo i nomi autentici, di ambientare una sceneggiatura fuori dalla Sicilia, anche se a Torino avevano già girato “Femmine contro maschi” di Fausto Brizzi. Gli esterni del film sono quasi da cartolina: il centro storico, piazza Castello, la Gran Madre di Dio, il Parco del Valentino, il Po e poi, pochi chilometri fuori città, l’imponente Castello di Rivoli.

Nella sceneggiatura non ci sono rifermenti autobiografici ne’ richiami all’attualità ma è assicurato divertimento puro.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=x1RX0__ft30[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti