Il Capo dello Stato si riduce lo stipendio a “soli” 239 mila euro, intanto Brunetta svela il parco auto del Quirinale 

Giorgio Napolitano

Luci (poche) ed ombre (in verità molte) sul capo dello Stato. Giorgio Napolitano si erge a mediatore nella crisi italiana e apprezzabile è il suo costante richiamo all’unità nazionale. Si è anche “tagliato” il proprio stipendio ma siamo certi che le cifre della sua busta paga ora siano cosi “umane”? Lo stesso discorso vale per il parco auto della presidenza, che mostra in verità numeri a dir poco imbarazzanti.

Napolitano ha reso noto, come ormai è noto, che rinuncerà da quest’anno e fino alla scadenza del suo mandato all’adeguamento annuo della retribuzione mentre il Quirinale, grazie ai risparmi dal 2011 al 2014, restituirà al ministero dell’Economia oltre 15 milioni di euro che si aggiungono ai 56 milioni 316 mila del periodo 2006-2011.

Il presidente della Repubblica guadagnerà 239.181 euro lordi l’anno, che non sono certamente pochi in tempi di crisi. E’ vero, non prende né l’indennità di senatore a vita né il vitalizio maturato in oltre 38 anni di attività parlamentare: ma raccontiamolo agli italiani che non vanno più avanti e non ce la fanno ad arrivare a fine mese.

Il Portavoce del Ministro Brunetta ha reso pubblico l’elenco delle vetture a disposizione del Presidente Napolitano. E – leggete bene – si tratta nello specifico di 35 veicoli, di cui 12 in proprietà e le restanti in leasing.

Nel 2009 il costo complessivo per manutenzione, noleggio e consumi del parco auto è risultato pari a 323.762 euro. I dati sono stati diffusi dal Quirinale stesso rispondendo al censimento lanciato agli enti pubblici dal Ministero per la Pubblica Amministrazione.

In particolare il parco auto del presidente della Repubblica si compone di 2 Lancia Flaminia 335 del 1961, che il Presidente della Repubblica utilizza esclusivamente in occasione dell’insediamento e della parata del 2 giugno; 1 Lancia Thesis limousine, a disposizione dei Capi di Stato di altri paesi in visita in Italia; 3 Maserati (di cui una in comodato d’uso al Ministero degli Esteri), a disposizione dei Capi di Stato di altri paesi in visita in Italia; 2 Lancia Thesis blindate utilizzate dal Capo dello Stato per ragioni di sicurezza (alle quali si aggiunge 1 Lancia Thesis di riserva, non blindata, in caso di eventuale inutilizzabilità delle auto blindate).

A queste si aggiungono 14 autovetture a disposizione dei Presidenti emeriti, del Segretario generale, del Segretario generale onorario e dei 10 Consiglieri del Presidente della Repubblica e 2 pulmini di proprietà per trasporti collettivi.

Napolitano vuole dare il buon esempio? Allora riduca il suo stipendio da 239 mila euro a una soglia simile a quella dei comuni lavoratori e soprattutto limiti le sue auto blu, che sono 35. Avete letto bene, 35….

© Riproduzione Riservata

Commenti