In Sudafrica un uomo è stato creduto deceduto e messo in cella frigorifera per errore: all’improvviso…

morto si sveglia in obitorio

Era vivo, ma gli addetti all’obitorio di Libode, nella provincia sudafricana di Eastern Cape, lo credevano morto: i parenti l’avevano infatti trovato esanime a letto.

Quando dalla cella frigorifera un 50enne si è messo a gridare “aiuto, fatemi uscire da qui”, hanno creduto che fosse un fantasma e sono fuggiti.

 Poi, però, sono tornati sui propri passi, e hanno soccorso il presunto cadavere: ora l’uomo, pur fortemente disidratato, sta bene.

Sizwe Kupelo, portavoce dei servizi sanitari provinciali, ha detto che le condizioni dell’uomo sono stabili. Per prudenza, lo tratterranno qualche giorno in osservazione.

Nonostante i ripetuti appelli delle autorità, in Sudafrica è prassi abbastanza ricorrente quella di far trasportare i defunti direttamente all’obitorio, senza aspettare che un medico certifichi prima lo stato di morte.

“Questa volta è andata bene ma non saprei dire se ci sono stati casi analoghi finiti male”, ha detto Kupelo.

© Riproduzione Riservata

Commenti