Il presidente della Regione apre le porte ad investitori orientali in Sicilia: “opportunità unica per noi”

Raffaele Lombardo

“Nei prossimi giorni definiremo un programma con tempi certi da presentare ai governanti cinesi. Non è che dobbiamo vendere la Sicilia alla Cina, noi restiamo i padroni di casa. Il fatto è che i cinesi hanno bisogno di una grande piattaforma logistica per attestarsi nel Mediterraneo e sono pronti a finanziare, probabilmente assieme ad altri Stati e ad altri Enti, delle grandi infrastrutture nell’Isola che servono a loro, ma servono anche e soprattutto ai siciliani”.

Ad affermarlo è il presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, che aggiunge: “La ruota della storia ora gira attorno al Mediterraneo e alla Sicilia, non possiamo farci scappare l’occasione, e ne parlero’ presto a Roma con Fitto e Tremonti con cui mi dovro’ incontrare per il problema dello sblocco dei Fas. Questo progetto cinese per la Sicilia è troppo importante per non coinvolgere anche il governo nazionale al piu’ alto livello, a cominciare dal presidente Napolitano, da Berlusconi se non avesse altri problemi per la testa, e da Frattini”.   

“A Pechino – dice Lombardo – andrei anche a piedi”. “Il progetto – puntualizza – e’ talmente importante e talmente urgente che bisognera’ impegnarci a fondo perche’ sarebbe una rivoluzione infrastrutturale che stupirebbe l’Italia e l’Europa”.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=WCvHe-3ALus&feature=player_embedded[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti