Brutale aggressione durante il funerale di un 19enne morto in moto: vittima un collega di Metropolis Tg

l'aggressione all'operatore di Metropolis Tg

Grave episodio di violenza martedì mattina a Castellammare di Stabia: al termine della cerimonia funebre in memoria di Nicola Martinelli, il ragazzo di 19 anni morto in un incidente stradale, la troupe dell’emittente Metropolis Tg arrivata sul posto per documentare il rito è stata vittima di una brutale e ingiustificata aggressione.

All’uscita della bara dalla chiesa dello Spirito Santo, l’operatore di ripresa Catello Germano è stato inseguito e picchiato da un gruppo di facinorosi che voleva impedirgli di fare il suo lavoro di reporter. Il cameraman ha cercato di sottrarsi alla furia ingiustificata, cercando riparo in alcuni vicoletti del centro antico.

Ma alcuni uomini lo hanno raggiunto e malmenato, sotto gli occhi di centinaia di persone che avevano preso parte al funerale. Alcuni dei presenti sono intervenuti per sottrarre il cameraman alla furia del branco, facendolo riparare all’interno di un bar: Catello Germano è stato poi trasportato all’ospedale San Leonardo di Castellammare, dove si trova tuttora per gli accertamenti del caso. 

Nel corso dell’aggressione è stata distrutta la telecamera e sottratto il marsupio con gli effetti personali dell’operatore, successivamente è stato recuperato. Sotto choc anche la giornalista Valeria Di Giorgio che ha assistito impotente al linciaggio e ha allertato immediatamente i soccorsi. Sul posto anche le forze dell’ordine, in questi momenti il direttore di Metropolis sta presentando una dettagliata denuncia di quanto accaduto a carabinieri e polizia.

“E’ un episodio gravissimo – come ha dichiarato Giuseppe Del Gaudio, direttore di Metropolis – e nell’esprimere totale vicinanza alla nostra troupe ci auguriamo che le forze dell’ordine riescano a individuare i responsabili di questa inspiegabile aggressione”.

© Riproduzione Riservata

Commenti