Sono gli iPhone gli smartphone più venduti al mondo, mentre la Nokia riporta perdite record

Steve Jobs

Nokia chiude il secondo trimestre in rosso per la prima volta da un anno e mezzo e cede il titolo di maggiore produttore di smartphone, in volume, ad Apple. Sotto pressione anche i risultati di Ebay, che registra un calo degli utili, confermando però la forza di PayPal, motore di crescita della società. Vola invece Intel, che chiude il secondo trimestre toccando per la prima volta quota 13 miliardi di dollari di ricavi. “E’ il quinto trimestre record consecutivo. Siamo soddisfatti. I mercati emergenti stanno andando bene, soprattutto nel consumer. Nei mercati maturi ci sono investimenti nei data center e il cloud sta prendendo piede”, commenta il managing direcotr di Intel per l’Italia e la Svizzera, Dario Bucci. Intel va avanti con gli investimenti e ora punta sugli ultrabook, all’inseguimento del mercato dei piccoli e leggeri. Fra le altre società tecnologiche che hanno presentato i conti, Apple e Google hanno mostrato conti in forte aumento. Yahoo! invece è stata debole.

NOKIA: Conti in rosso per Nokia per la prima volta da un anno e mezzo. Il gruppo finlandese ha chiuso il secondo trimestre 2011 con una perdita netta di 368 milioni di euro contro un un utile di 227 milioni dello stesso periodo 2010. Nokia ha venduto nel secondo trimestre 16,7 milioni di smartphone, ovvero il 34% in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Apple ha venduto, nel periodo aprile-giugno, 20,3 milioni di smartphone, divenendo il primo produttore al mondo di smartphone in volume. Apple era già il primo produttore di smartphone per ricavi e utili.

EBAY: Il secondo trimestre si chiude con un utile netto in calo 283,4 milioni di dollari a fronte dei 412,2 milioni di dollari dello stesso periodo dell’anno scorso. I ricavi sono saliti a 2,76 miliardi di dollari. PayPal rimane uno dei motori di crescita di Ebay con ricavi in aumento del 31% a 1,07 miliardi di dollari. Ebay prevede nel terzo trimestre un utile per azione 46-47 cent, e ricavi per 2,85-2,95 miliardi di dollari. Le previsioni sugli utili deludono gli analisti che stimavano un utile di 48 cent, i ricavi sono invece maggiori dei 2,71 miliardi di dollari.

INTEL: Intel chiude il secondo trimestre con un utile netto di 3,2 miliardi di dollari, in aumento del 10% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. I ricavi si sono attestati a 13,1 miliardi di dollari, ovvero il 21% in più rispetto all’anno precedente. “Abbiamo superato per la prima volta i 13 miliardi di dollari di ricavi”, afferma l’amministratore delegato Paul Otellini. Intel prevede ricavi per 14 miliardi di dollari nel terzo trimestre.

APPLE: Il trimestre è stato il migliore di sempre. L’utile netto è più che raddoppiato a 7,31 miliardi di dollari. I ricavi sono risultati pari a 28,57 miliardi di dollari.

YAHOO!: Il secondo trimestre chiude con un utile netto di 237 milioni di dollari, in aumento rispetto ai 213,3 milioni di dollari dello stesso periodo dell’anno scorso. I ricavi si sono attestati a 1,08 miliardi di dollari, sotto le attese degli analisti. Yahoo! prevede per il terzo trimestre ricavi per 1,05-1,10 miliardi di dollari.

GOOGLE: L’utile netto si è attestato a 2,51 miliardi di dollari, in aumento del 36% rispetto agli 1,84 miliardi di dollari dello stesso periodo dell’anno scorso, su ricavi in crescita del 32% a 9,03 miliardi di dollari. I dati sono oltre le attese del mercato. “E’ stato un buon trimestre, con un aumento del 32% dei ricavi che ha consentito di superare il record di 9 miliardi di dollari”, afferma l’amministratore delegato di Google, Larry Page.

© Riproduzione Riservata

Commenti