Ultimo appello del presidente ai repubblicani: il tempo stringe e lo spettro del default è ormai dietro l’angolo

Barack Obama

Il presidente Usa, Barack Obama, nel suo discorso radiofonico settimanale, si rivolge ai membri del Congresso e li invita a trovare un accordo sul debito per evitare quello che definisce un «Armageddon» economico.

«Non possiamo risolvere il problema del deficit e del debito senza tagli alle spese. Ma contemporaneamente dobbiamo anche chiedere sacrifici agli americani più ricchi, i tempi per un compromesso stringono, il default è dietro l’angolo» spiega ancora Obama, che rivolge il suo ultimo appello ai repubblicani perchè abbandonino «posizioni ideologiche» e collaborino a raggiungere un’intesa bipartisan.

Per Obama, che spera da sempre in un accordo ampio, si tratta dell’opportunità «unica di mettere in sicurezza i conti dello stato». A patto, però, che «tutti facciano la loro parte, non solo il ceto medio, ma gli americani più abbienti».

Ma mentre la critica scadenza del 2 agosto si avvicina, le possibilità che Obama ottenga la riduzione del deficit di 4mila miliardi di dollari sui termini che lui preferisce stanno calando rapidamente, in quanto il Congresso si è mosso per prendere il controllo del dibattito.

[dailymotion]http://www.dailymotion.com/video/xjy2r8_debito-usa-obama-urge-accordo-entro-36-ore_news[/dailymotion]

© Riproduzione Riservata

Commenti