Incendio sull’ennesimo barcone a largo di Lampedusa, Guardia costiera riesce a domare le fiamme

immigrati a largo di Lampedusa

L’ennesimo viaggio della disperazione, un’altra tragedia sfiorata. A bordo dell’imbarcazione stavolta 299 profughi tra cui 13 donne e un bambino originari dei paesi dell’Africa sub sahariana, La nave è poi giunta a Lampedusa alle 5:30 di stamani. Sabato sull’isola approdati oltre mille migranti

Un barcone carico di migranti con il motore in avaria e un principio d’incendio è stato così soccorso in nottata dalla Guardia Costiera a largo di Lampedusa. L’equipaggio della motovedetta Cp 301 è riuscito a domare l’incendio e a far ripartire il motore per evitare il difficile trasbordo dei 299 profughi partiti dalla Libia, tra i quali 13 donne e un bambino, originari di paesi dell’Africa sub sahariana.

L’imbarcazione è giunta intorno alle 5.30 nel porto di Lampedusa. Con l’arrivo di questa mattina all’alba di 299 profughi sono attualmente 2053 i migranti ospitati a Lampedusa. Si trovano dislocati tra la base Loran e il centro di prima accoglienza. Tra di loro vi sono 1363 uomini 176 donne e 514 minori. Due donne incinte sono stata trasportate in elisoccorso in ospedale a Palermo. La nave che dovrebbe portare gli immigrati in altri centri fuori dall’isola è ancorata in porto. I primi trasferimenti dovrebbero avvenire tra stasera e domani mattina.

Ieri, nella giornata nella quale sarebbe dovuto arrivare sull’isola il premier Silvio Berlusconi, ma la visita è stata annullata, in nottata e all’alba, erano sbarcati 1041 profughi: tra questi 33 bambini e 122 donne, molte delle quali incinte.
Subito sono scattate le operazioni di soccorso, con quattro motovedette della Guardia Costiera e della Guardia di Finanza.

La prima “carretta”, con 158 profughi è entrata in porto poco prima di mezzanotte. Alle 3.30 lo sbarco più consistente: 340 extracomunitari. Circa mezz’ora dopo altri 303 migranti. All’alba, infine, l’ultimo barcone con 240 profughi

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=NB7idIU1TI4[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti