Al termine di una seduta “maratona” deliberata variazione all’art.64. Adesso possibile tavolo tecnico dal Prefetto

bus Asm

Il Consiglio comunale non si ferma e fa un passo avanti verso lo scioglimento dell’Asm. Nella stessa giornata in cui era arrivata una nota dal Prefetto ed al termine di una seduta “fiume” conclusasi alle 3 di notte il Civico consesso ha deliberato uno dei due punti sull’Asm, che erano all’ordine del giorno.

Il primo: cioè quello riguardante la modifica dell’art. 64 dello statuto dell’azienda, che esclude da questo momento il ricorso al referendum popolare e cambia la procedura riguardante l’eventuale liquidazione dell’ente. L’altro punto all’odg era proprio lo scioglimento e liquidazione ma non è stato discusso e per il momento è stato tolto dall’odg dell’assemblea che tornerà a riunirsi il 12 luglio.

La liquidazione, sostenuta da una parte della maggioranza d’intesa con la minoranza, non è stata votata anche alla luce della nota che nella giornata di giovedì il prefetto Alecci aveva inviato in Comune e in Asm. Il prefetto aveva, in sostanza, scritto che avrebbe atteso le deliberazioni del Consiglio dichiarandosi pronto, al contempo, “ad indire l’immediata convocazione di un’apposita riunione”.

La modifica dello Statuto è stata votata e approvata, col voto favorevole dei consiglieri Eugenio Raneri, Franco Pizzolo, Fiero Messina, Agostino Di Pietro e Antonio Lo Monaco (maggioranza) piu gli 8 consiglieri della minoranza: Eligio Giardina, Antonio D’Aveni, Enzo Scibilia, Antonino Lo Monaco, Lino Ardito, Pinuccio Composto, Tanino Carella e Salvo Cilona. Astenuti Tino Bambara e Andrea Carpita (maggioranza). Solo 3 consiglieri, tutti di maggioranza, hanno votato contro la modifica dello Statuto: Piero Benigni, Sergio Cavallaro e Pina Raneri.

Il Consiglio non ha accolto la proposta di delibera del sindaco Mauro Passalacqua che chiedeva il rinvio della discussione su Asm, su entrambi i punti, al 1 ottobre. I lavoratori restano in stato di agitazione, come si afferma in una nota odierna della Fit Cisl di Messina.

© Riproduzione Riservata

Commenti