Il principe e l’ex campionessa di nuoto sono marito e moglie: il rito nella sala del trono di Palazzo Grimaldi

Charlene e Alberto di Monaco

Un bacio, appena accennato, tra la sposa dall’aria non particolarmente sorridente e uno sposo, composto ma paradossalmente piu’ emozionato. E’ fatta! Alberto di Monaco, 53 anni e Charlene Wittstock, 20 di meno, sono marito e moglie.

E cosi’, l’ex nuotatrice sudafricana e’ da oggi Sua Altezza Serenissima, anche se non sembra sprizzare un particolare entusiasmo, ma comunque pur cercando di nascondere l’emozione sembra gia’ consapevole del suo nuovo status. D’altronde si sa quando un matrimonio e’ regale c’e’ poco spazio alle manifestazioni di affetto. “Con Charlene, si apre una nuova pagina per la storia del principato”, ha detto rivolgendosi alla popolazione in dialetto monegasco lo sposo.

 Il primo matrimonio, quello civile: si e’ celebrato alle 17 nella sala del trono di Palazzo Grimaldi. Per l’occasione, la sposa ha indossato un completo con giacca disegnato dal lei stessa, azzurro cielo, dalla gonna ampia e lunga. Cosa insolita lo sposo, il sovrano in questo caso ed ex scapolo incallito Alberto, al centro fino a poche ore prima del matrimonio, di pettegolezzi e rumors, e’ apparso, almeno all’inizio della funzione il piu’ emozionato dei due.

Lei ha seguito le parole dell’officiante, il presidente del Consiglio di Stato, Philippe Narmino (“tu vieni da lontano, ma da oggi sei la nostra principessa”), con grande attenzione, tradita solo da un lieve tremolio delle labbra. Una cerimonia breve, durata poco piu’ di 45 minuti in tutto. Charlene, sorridente ma composta, le mani abbandonate sul grembo durante il rito, luminosa e sobria fasciata in un completo azzurro cielo e composto da una giacca avvitata e una lunga gonna a pieghe morbida dello stesso tono. Alberto, apparso solo inizialmente piuttosto teso, dopo aver pronunciato il fatidico ‘si’, e’ sembrato rilassarsi e ha baciato la mano della novella sposa davanti alla stretta cerchia di invitati, fra cui sorelle, nipoti e amici stretti.

Ed e’ stata proprio Stephanie, l’ex ribelle di casa Grimaldi (era seduta al fianco della madre Grace Kelly nell’incidente che le tolse la vita), e per la quale Alberto ha sempre manifestato un grande affetto soprattutto nei momenti piu’ difficili, a rompere la rigidita’ dell’etichetta: la terzogenita di Grace e Ranieri III non e’ riuscita a trattenere le lacrime (ha anche tirato fuori un fazzoletto) al ‘oui’ pronunciato dal fratello Alberto.

Molto composta invece ma visibilmente emozionata la principessa Carolina, anche se era difficile vedere il suo volto coperto quasi del tutto da un gigantesco cappello in paglia. Simile a quello indossato dalla bellissima figlia Charlotte Casiraghi, anche lei molto sobria con un abito a pieghe sui toni dell’azzurro. Impassibile, quasi paralizzata la madre di Charlene.

Sulla piazza davanti al palazzo, intanto, circa 7mila monegaschi, seguivano la cerimonia da degli schermi giganti: al “oui” della coppia, hanno applaudito fragorosamente, sventolando bandierine sudafricane e del principato. Un boato contagioso arrivato all’interno del palazzo dove dopo qualche attimo di imbarazzo dovuto al rigido protocollo e’ finalmente scoppiato l’appaluso.

Dopo il matrimonio civile, Alberto e Charlene, raggianti, si sono affacciati dal balcone della Sala degli Specchi per salutare il popolo e regalargli il loro primo bacio in pubblico. La neo principessa di Monaco ha allentato la tensione abbandonando il capo sulla spalla del marito.

La coppia e’ quindi scesa in strada e qui il sovrano di Monaco con accanto la sua principessa ha pronunciato un breve discorso rivolgendosi ai monegaschi. Alberto e Charlene si sono uniti alla popolazione per un rinfresco sulla piazza.

Tutti insieme hanno brindato con coppe di champagne e gustando piatti sudafricani. I festeggiamenti proseguiranno con un altro concerto aperto a tutti e gratuito: Jean-Michel Jarre che si esibirà con la sua spettacolare arpa laser nella splendida cornice di Port Hercule.Inserire

© Riproduzione Riservata

Commenti