Sfuma la promessa del neo sindaco De Magistris di pulire la città in 5 giorni: vertice a oltranza in Prefettura

Luigi De Magistris

Vertice nella notte alla Prefettura di Napoli, voluto dal neo sindaco Luigi De Magistris, per affrontare l’emergenza rifiuti nella città partenopea. “Non ci muoviamo fino a quando non avrò la certezza che gli impegni presi nei giorni scorsi vengano rispettati da tutti”, ha sentenziato infatti De Magistris prima di chiudersi in riunione: “Fatti inquietanti stanno impedendo la raccolta dei rifiuti. Fermeremo i sabotaggi”.

“La soluzione era stata trovata grazie ad un accordo fra Prefettura, Regione, Provincia, Comune e avrebbe consentito di liberare Napoli dai rifiuti in 5 giorni, prevedendo anche la realizzazione di un sito di trasferenza nella stessa città – ha spiegato infatti il sindaco – Questa soluzione purtroppo sta naufragando e non per responsabilità del Comune di Napoli”.

A bloccare il piano di De Magistris, lasciando a terra oltre 2.400 tonnellate di rifiuti, ci sarebbe innanzitutto l’ordinanza del sindaco di Caivano, che ha chiuso uno dei siti provvisori per lo stoccaggio. La decisione del primo cittadino potrà essere impugnata solo davanti al Tar.

La promessa di De Magistris si è dovuta inoltre scontrare con la protesta dei dipendenti della ditta che serve il centro storico: i camion per la raccolta non sono usciti per il ritardo nell’arrivo degli straordianari e, gli autisti che avrebbero voluto lavorare, sono stati vittime di intimidazioni.

“A rendere impossibile l’obiettivo stabilito, anche quanto avvenuto durante la raccolta dei rifiuti nella zona del centro storico cittadino dove si sono registrati fatti inquietanti che hanno impedito la raccolta dei rifiuti e che sono stati già segnalati alle forze dell’ ordine – ha spiegato il neo sindaco – Per questo è stata disposta una vigilanza, da parte delle stesse forze dell’ordine, verso i mezzi di raccolta della spazzatura”.

“La verità è che questa amministrazione sta rimuovendo incrostazioni ventennali determinando risposte ai sabotaggi – ha aggiunto De Magistris -. La situazione è drammatica ma siamo determinati ad operare senza tentennamenti, per questo sono stati rinviati tutti gli appuntamenti che mi avrebbero costretto a lasciare Napoli”.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=SFYDEbFYkKs[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti