Niente copyright, la politica litiga e tergiversa su argomenti di secondo piano a discapito di una priorità

Teatro Antico

Appuntamento a quando per il “marchio” Taormina? Se lo chiedono numerosi residenti e operatori economici della Perla dello Jonio. La capitale del turismo siciliano continua a non avere ancora un marchio registrato, nell’ambito del quale di fatto si vadano a disciplinare e contestualizzare iniziative che in Italia, come all’estero, riguardano il nome della città.

Dell’argomento si è riparlato di recente nell’ambito dei lavori delle commissione consiliare competente, nel tentativo di far arrivare  poi la discussione in Consiglio comunale per una deliberazione che metta fine, una volta per tutte, all’utilizzo indiscriminato del nome di Taormina su stemmi e campagne pubblicitarie, o per pubblicizzare attività ricettive che si trovano in realtà a diversi km da Taormina.

In effetti in tempi recenti il Civico consesso si è impantanato su tematiche che non sembrano rappresentare una reale priorità per la città. Il problema è complessivo: giunte, consigli, maggioranze e minoranze: possibile che non si riesca a deliberare in fretta il copyright?

Resta in stand by un progetto di cui si parla invano da troppo tempo. Taormina, sul marchio, ha già uno studio praticamente pronto. Un esperto di grafica ha effettuato, insieme ad un legale, un lungo lavoro di preparazione dell’incartamento.

Si tratta di un passaggio che potrebbe poi far depositare il marchio allo scopo di tutelare l’immagine di Taormina ed eventualmente poter anche sfruttare i diritti che derivano da questo complesso di norme che vigono in ambienti pubblicitari.

Fondamentale potrebbe rivelarsi la volontà della politica di superare, una volta tanto ogni bega per arrivare ad una determinazione. Si può immaginare quanto avrebbe potuto monetizzare Taormina se avesse avuto in questi anni un marchio?

C’è un indotto inestimabile che Taormina potrebbe avere ma sino ad oggi continua a perdere. Taormina è un nome che, nonostante tutto, attrae ancora in tutto il mondo. Perchè tergiversare ancora?

© Riproduzione Riservata

Commenti