Dopo le intercettazioni tra Briatore e la Santanchè, si indaga per scoprire la lista degli “ospiti” di Villa Cernetto

Daniela Santanchè e Flavio Briatore

Gli investigatori informatici hanno fatto sapere che sarebbe un gioco da ragazzi, o quasi. Aspettano solo la delega ufficiale. E in procura, a Milano, ci stanno pensando, prima di sciogliere la riserva nei primi giorni della prossima settimana. Oggetto di attenzione è la lista degli ospiti di Villa Gernetto. Soprattutto delle serate al femminile.

Perché siccome le telefonate di Flavio Briatore e Daniela Santanchè sui festini che proseguono anche nella residenza di Lesmo sono agli atti del processo su Ruby, i pm potrebbero disporre un supplemento di indagine per verificare se il reato contestato al premier sia stato reiterato. Cioè se altre minorenni abbiano partecipato a quelle feste a luci rosse già descritte nelle foto agli atti del processo. E raccontate nelle scorse settimane nelle conversazioni di persone molto vicine a Berlusconi.

Come Briatore, che lo scorso 3 aprile riferisce alla Santanchè che nonostante Ruby, il processo e le accuse, il premier organizza ancora serate piene di ragazze: «Non più lì ma nell’altra villa. Tutto come prima, non è cambiato nulla. Stessi attori, stesso film, proiettato in un cinema diverso. Come prima, più di prima. Stesso gruppo, qualche new entry, ma la base del film è uguale». La Santanchè commenta: «Ma perchè? Qui crolla tutto..». E Briatore lapidario: «E’ malato, Dani..».

Quelle telefonate, già agli atti dell’inchiesta genovese sulla presunta evasione fiscale di Briatore nella gestione del suo megayacht Force Blue, sono state trasmesse a Milano. E la loro pubblicazione, oltre a scatenare le reazioni indignate degli interlocutori e delle persone citate nelle conversazioni, da Lele Mora a Emilio Fede, hanno stimolato l’interesse degli inquirenti. Che adesso potrebbero incaricare gli stessi esperti informatici della Criminalpol che avevano lavorato sul caso Ruby, di svolgere lo stesso lavoro. Cioè scaricare i dati dei ripetitori che garantiscono il servizio di telefonia mobile intorno a Villa Gernetto per individuare gli intestatari delle utenze presenti in zona nelle sere in cui, presumibilmente, avvenivano i festini più recenti.

Dal punto di vista procedurale, i magistrati potrebbero sostenere l’esigenza investigativa di accertare la possibile continuazione di un reato – la prostituzione minorile – sul quale hanno indagato per mesi. Oppure, viceversa, potrebbero decidere di soprassedere per evitare le inevitabili polemiche politiche sulla violazione della privacy del capo del governo. Quel che è certo è che nelle schede di memoria dei ripetitori intorno a Villa Gernetto, a Lesmo, in Brianza, sono sicuramente archiviati i riferimenti dei telefoni che sono rimasti agganciati alla linea negli ultimi mesi.

E mentre gli inquirenti stanno decidendo se sia opportuno o meno acquisire quei dati, i legali di Briatore, Fabio Lattanzi e Massimo Pellicciotta, hanno depositato a Milano una denuncia per violazione del segreto istruttorio, dopo che alcuni quotidiani hanno riportato i testi delle intercettazioni. Oltre ai giudizi poco lusinghieri di Briatore sulle abitudini sessuali del premier, in quelle conversazioni veniva tirato in ballo anche Emilio Fede a proposito della somma che avrebbe trattenuto per sè sottraendola al prestito che Berlusconi aveva destinato a Lele Mora.

Così ieri, mentre la Santanchè rifiutava ogni commento dicendo che al telefono si è limitata ad ascoltare un amico, Fede ha accusato Briatore di aver detto falsità: «Pensavo fossero degli amici ed invece i peggiori nemici sono quelli che ti stanno più vicino. E’ stato un errore frequentarli».

Fino a che in serata Briatore ha fatto sapere di aver presentato le scuse del caso: «Emilio è un mio amico da trenta anni e mi dispiace molto che sia successo tutto questo. Mi spiace davverO per lui e per la nostra amicizia. Gli ho chiesto scusa e credo che lui abbia capito. Ecco ci tenevo a non rovinare una amicizia di vecchia data».

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=J8dGCBnZ9-s[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti