A New York, dopo il caso Strauss Khan, alberghi di lusso dotano cameriere di un dispositivo contro le violenze

camera d'albergo

Rigide misure di sicurezza dopo i due casi di assalti sessuali da parte di grandi nomi della finanza: a New York fare la cameriera è diventato un lavoro rischioso.

Così il Sofitel e il Pierre hotel, i due alberghi di lusso teatro dello scandalo che ha travolto il presidente dell’Fmi Strauss Khan e un uomo d’affari egiziano, hanno deciso di dotare le proprie dipendenti di un “panic button”, una sorta di bottone anti panico, o meglio anti stupro, realizzato sulla falsariga dei dispositivi salvavita dati agli anziani soli per avvisare i medici se si sentono male.

Le cameriere lo porteranno sempre addosso, così in caso di situazioni pericolose basterà schiacciarlo per far intervenire qualcuno. Chiunque sia l’aggressore.

[dailymotion]http://dailymotion.com/video/xj2ah2_new-york-dopo-strauss-khan-allarme-anti-stupro-per-cameriere_news[/dailymotion]

© Riproduzione Riservata

Commenti