Nominata la commissione per appaltare sino al 2015 i servizi del sito storico di Taormina: a luglio il verdetto 

Giancarlo e Luigi Abete

Si stringono i tempi per la decisione della Regione su chi dovrà gestire per i prossimi quattro anni i servizi del Teatro Antico. Il nuove ente gestore sarà individuato e dunque indicato da qui a 50 giorni, a fine luglio.

E’ stata, infatti, nominata la commissione di gara che dovrà procedere all’espletamento dell’appalto: l’insediamento avverrà il 5 giugno mentre il termine ultimo per concludere le procedure e stabilire l’ente aggiudicatario sarà il 20 luglio. Dati i tempi e la necessità che poi vi sarà di sottoscrivere i relativi adempimenti, il nuovo ente gestore sarà insomma operativo solo tra un paio di mesi, certamente quando già la stagione estiva 2011 sarà terminata.

Gestire a 360 gradi i vari siti siciliani, e tra questi il Teatro di Taormina: questa la linea guida predisposta nel bando dell’assessorato ai Beni Culturali, che tra i servizi “aggiuntivi” stavolta non ha inserito solo quelli classici come la biglietteria, punto ristoro e bookshop, ma anche l’organizzazione di eventi di comunicazione e l’opportunità utilizzo di alcune aree per fini pubblicitari.

Diversi enti si contendono l’ambita opportunità di gestire il sito storico più visitato in Sicilia. In corsa c’è anche una nota società di Roma, ovvero il “Consorzio Civita”, che opera nel settore del patrimonio culturale e ambientale con una multiservizi, con sedi a Roma, Milano e Napoli ma anche nel Triveneto e Sicilia.

“Civita” può contare, a supporto, sull’avvenuta integrazione societaria col Gruppo Abete, di cui è presidente Giancarlo Abete, presidente della Federcalcio Italiana e fratello del presidente di Bnl, Luigi Abete.

Nella fattispecie parliamo della “Gebart”, la cui alleanza con “Civita” ha dato vita ad un maxi-polo privato per i servizi museali. Il sistema organizzativo del Teatro verrà assegnato nel contesto di un pacchetto-servizi che vale complessivamente ben 998 mila euro, e quella del Teatro Antico di Taormina è la stima più alta di tutti i siti siciliani che dovevano essere sottoposti già nel novembre 2010 all’espletamento del pubblico incanto.

L’assessorato regionale ai Beni culturali ha però disposto allora uno slittamento dell’iter e della relativa fase di aggiudicazione, che si definirà solo nelle prossime settimane. Nello specifico, imprese, associazioni e  consorzi sono pronti a far valere la loro offerta per il “lotto 3” della Provincia di Messina che comprende oltre a Taormina anche l’area archeologica e il museo di Giardini. La Commissione nominata si dovrà occupare dei vari lotti da appaltare nell’isola.

Tra gli enti che concorrono alla gestione del Teatro Antico c’è la Società Consortile “Taormina Etna”, capofila di un raggruppamento che coinvolge anche altre organizzazioni.  “Taormina Etna” è praticamente l’unico ente siciliano stabilmente attivo sul territorio jonico ad aver posto la propria candidatura per i servizi del Teatro Antico.  Tra le società in corsa per i siti dell’isola ci sono anche Global events management, Codess Cultura di Venezia, Munus di Roma, Luoghi dell’ Arcadia (che gestisce la Valle dei Templi) e Novamusa (che ha già gestito proprio il Teatro di Taormina).

Chi avrà la meglio dovrà porre in essere una serie di attività di rilievo, che riguardano la realizzazione di materiali editoriali, la gestione dei punti vendita per i souvenir, il coordinamento integrato delle manifestazioni che vengono realizzate all’interno delle aree archeologiche ed anche la gestione della biglietteria e ciò che attiene la predisposizione del Teatro per gli spettacoli.

Il canone annuo per la gestione dei servizi è stato fissato in 62 mila euro. Saranno anche considerate le offerte relative alla percentuale sui biglietti da attribuire all’amministrazione regionale.

Una parte dei proventi per il Teatro spetta al Comune in cui si trova il sito (per il Teatro Antico, alla casa municipale spetta il 33% dei proventi di ingresso) che deve organizzare iniziative atte alla valorizzazione della struttura.

© Riproduzione Riservata

Commenti