Il presidente del Napoli respinge l’assalto ai gioielli: “Hamsik non si vende. Berlusconi se me frega delle regole” Aurelio De Laurentiis scatenato in un’intervista ai microfoni di “Marte Sport Live” su Radio Marte. Il presidente del Napoli respinge l’assalto della stampa milanista che pronostica il trasferimento di Hamsik alla corte di Silvio Berlusconi.

E il produttore cinematografico attacca proprio il Premier: “sento dire che Berlusconi avrebbe dato il via libera ad una trattativa per prendere Hamsik. Ma di che stiamo parlando? Berlusconi crede di potersene fregare delle regole e dei regolamenti. Qui, e lo voglio ripetere, nessuno è fesso. Noi siamo arrivati, anzi tornati, al vertice e ora vogliamo vincere”.

“Predico calma ai tifosi. Il mercato non è ancora nel vivo. Arriveremo fino alla fine di agosto tutti quanti a braccetto. Voglio che la gente abbia le palle. Non serve avere questo tremore addosso. Qui tutti vogliono vendere tutto, e tutti vogliono comprare tutto. Ma è quasi sempre chiacchiericcio. Non facciamoci prendere in giro dai media. Anche loro devono campa’ e non possono senza fare notizia. Noi siamo qua. Se ad un certo punto c’è chi vuol prendere un giocatore, che vengano a chiederlo a me. Questo è un mondo di finti lupi. Parlerei di pecore piuttosto. Non si deve urlare nè fare comunicazione sbagliata. Non cascate in queste trappole. Ovvio che se poi mi si viene a chiedere un calciatore che magari non ha più voglia di vestire la nostra maglia, allora si vedrà. In 7 anni non mi sono mai state avanzate richieste”

“Pensate che Moratti mi contattò per Hamsik l’anno dopo che lo presi per me. Io gli feci presente che volevo vincere anch’io e che avevo appena cominciato. Da grande uomo quale è, mi rassicurò dicendomi che non m’avrebbe più fatto rompere le scatole dai suoi collaboratori. Il signor Hamsik è felicissimo di vestire i colori del Napoli. E’ uno dei giocatori più straordinari, umanamente parlando, che abbiamo. Notizie Gazzetta dello Sport? E’ scritta da uno juventino..”

“Mi chiedete sempre di Inler e del suo procuratore. Io gli voglio tanto bene a Lamberti. Son tutti bravi a vendersi. La Juventus? Andiamo ragazzi, ne hanno bisogno. All’arrivo di un nuovo allenatore, bisogna cambiare 25 giocatori”

“Facebook io non ce l’ho. Spesso non riesco a trovare nemmeno il tempo di dormire, pensate un pò.  Ma abbiamo una certa fama sul social network. Ci considerano delle furie umane. Non ci fermiamo un attimo. Qui non si fa altro che pensare al nostro amore”.

© Riproduzione Riservata

Commenti