Moratti e Branca valutano l’opportunità di portare a Milano il talento del Lille. Ha 20 anni e costa già 30 mln Eden Hazard è uno degli obiettivi dell’Inter, ma in via Durini non hanno ancora deciso se dare l’assalto al talento francese. Il giocatore  continua ad essere nei pensieri della dirigenza di corso Vittorio Emanuele. Moratti e Branca vogliono però riflettere sulla convenienza dell’operazione nell’immediato, e sulla consistenza attuale di Hazard, che ha ancora 20 anni.

Il talento belga in forza al Lille, protagonista nella conquista della Ligue 1, ha mostrato quest’anno numeri straordinari e ha incantato gli osservatori mezza Europa con le sue giocate funamboliche. C’è chi parla addirittura di lui come il “vero erede” di Zinedine Zidane. Un paragone scomodo, che ha già scottato Gourcuff quando arrivò al Milan. Dunque secondo alcuni addetti ai lavori, sarebbe troppo acerbo per un campionato difficile come appunto quello italiano.

Dubbi, in particolare, sembra averli l’ex stella di Bordeaux, Milan e della nazionale francese, Cristophe Dugarry: «E’ ancora immaturo ed è solo un ragazzino – ha dichiarato l’ex centravanti adesso opinionista tv, gli consiglierei di restare ancora a Lille e fare esperienza in Champions. Non è pronto per una big – ha aggiunto Dugarry -, dove quando sei sotto i fuochi della critica devi rimetterti in questione e venirne fuori da solo. Nessuno ti può aiutare se non te stesso. Questa mentalità penso che manchi a Eden. Basta vedere le difficoltà di Benzema, che considero più forte di Hazard».

Oltre ai dubbi legati alle qualità del ragazzo anche il costo del cartellino, che lievita a vista d’occhio, starebbe facendo titubare la dirigenza nerazzurra di corso Vittorio Emanuele. Nel frattempo si continua a monitorare la situazione di Carlitos Tevez, senza dimenticarsi naturalmente di Alexis Sanchez, altro grande obiettivo dell’Inter in vista della stagione 2011-2012.

© Riproduzione Riservata

Commenti