I friulani pareggiano col Milan e arrivano quarti. Lazio e Roma in Europa League. Pari tra Juve e Napoli Sei anni dopo, l’Udinese torna in Champions League. Come da copione, i friulani si qualificano ai preliminari di Coppa dei Campioni dopo un soporifero pareggio interno per 0-0 contro il Milan. I rossoneri scendono in campo senza stimoli e senza neppure la voglia di onorare il campionato. La partita, ovviamente, è di marca friulana: Amelia compie due interventi prodigiosi su Di Natale e Sanchez, poi respinge un rigore allo stesso Di Natale. Ma i bianconeri fanno festa e la Lazio recrimina.

I biancocelesti fanno il loro dovere andando a vincere 4-2 a Lecce nell’ultima giornata ma non basta per il quarto posto. Partita divertente con Rocchi (6′) e Zarate (35′ e rig. 54′) e sugli scudi autori dei gol che decidono la partita. Nel mezzo l’eurogol di Coppola (33′) e Piatti (41′). Risultato finale fissato da un autogol di Vives (62′). Senza strafare la Roma batte 3-1 la già retrocessa Sampdoria e centra almeno l’ultimo obiettivo di una stagione da buttare: i preliminari di Europa League. I giallorossi cominciano male e al 26′ sono già sotto: conclusione da fuori di Ziegler, respinta di Lobont e tap-in di Mannini. Sotto di una rete la Roma reagisce e trova il pari con il solito Totti al 30′. Nella ripresa prima Vucinic (72′) firma il sorpasso, poi Borriello chiude i conti (85′).

La Juventus saluta il suo pubblico con un pareggio contro il Napoli. La squadra di Delneri, ultima partita alla guida dei bianconeri, dopo due traverse di Del Piero, passa in svantaggio al 21′, rete di Maggio. Il pareggio è siglato da Chiellini a inizio ripresa (47′). Nei partenopei dentro Hamsik e Lavezzi e nuovo vantaggio con Lucarelli al 70′. Nel finale ci pensa Matri a riportare l’equilibrio (84′). L’Inter saluta il suo pubblico con un 3-1 al Catania. Per i nerazzurri buona prova in vista della finale di Coppa Italia col Palermo di domenica 29. Solo Inter nel primo tempo: Kharja colpisce la traversa al 7′ poi al 15′ Pazzini firma l’1-0. Partita più vivace nella ripresa: al 3′ raddoppio del ‘Pazzo’ su assist di Milito e al 21′ tris di Nagatomo. Mai domi però i siciliani, che accorciano con Ledesma. Nel finale ovazione per il rientrante Samuel.

© Riproduzione Riservata

Commenti