Il 3/6 Piero Grasso al Comprensivo 1 per una lezione di legalità nella città dei mega-investimenti per 100 mln Il procuratore Nazionale Antimafia, dott. Piero Grasso, sarà il 3 giugno in visita a Taormina, dove prenderà parte ad una conferenza sulla legalità presso l’aula magna della Scuola Media “Ugo Foscolo”. Il numero uno dell’Antimafia incontrerà, dunque, nella Perla dello Jonio i ragazzi del “Comprensivo 1”, ma l’occasione sarà anche simbolicamente importante perché il magistrato si troverà nella storica capitale siciliana del turismo, località che in tempi recenti è molto discussa e appare al centro dei riflettori per la presenza in zona di ingenti flussi finanziari: provenienti da Catania, Palermo, Reggio Calabria, Napoli e svariate altre città.

Investimenti onerosi che si intensificano nonostante la crisi economica e turistica di Taormina, dove nell’ultimo triennio si sono perse 300 mila presenze turistiche. La parabola statistica di una crisi certificata dai numeri stride con le “grandi manovre” in atto nel settore turistico e immobiliare,  dove si è registrato un volume di affari – già concretizzati o in itinere – per oltre 100 milioni di euro. Proprio negli ultimi anni, sulla base di un’attività investigativa disposta in passato dall’allora Questore di Messina, Vincenzo Mauro, è già stata avviata un’azione di monitoraggio complessivo delle situazioni patrimoniali nell’hinterland jonico al fine di individuare eventuali “economie non lecite”.  Controlli che, ovviamente sono tuttora in essere e vengono sovrintesi dall’attuale Questore, Carmelo Gugliotta.

Attesa, dunque, per l’arrivo da queste parti del Procuratore Grasso, che ogni giorno è impegnato in prima linea nel comprendere e combattere i fenomeni criminosi, che oggi si evolvono e sono divenuti silenziosi e poco appariscenti. Grasso ha già detto “sì” all’invito a tenere una lezione a scuola a Taormina ed ha intanto affermato: “per me avere un contatto con i giovani è sempre entusiasmante ed è stando al loro fianco che si può battere la mafia. Fare giustizia è importante”.

© Riproduzione Riservata

Commenti