Al Qaeda ha eletto il nuovo capo del terrorismo. E’ Saif Al-Adel, ex ufficiale delle Forze speciali dell’Egitto Al Qaeda ha trovato l’erede di Osama Bin Laden. L’egiziano Saif Al-Adel è il successore ad interim alla guida di Al Qaeda. Lo ha dichiarato in un’intervista alla Cnn l’ex militante Noman Benotman, secondo cui il 50enne ex ufficiale delle Forze speciali dell’Egitto è stato scelto provvisoriamente per rassicurare i timori della comunità ‘jihadista’ internazionale che da giorni attendeva la nomina di una nuova guida. Secondo l’ex militante, la scelta dell’egiziano, tuttavia, non e’ stata presa dal consiglio (shura) di al-Qaeda perché è impossibile al momento organizzarne uno, ma da un gruppo ristretto di sei-otto leader del movimento jihadista attivi nelle aree tribali a cavallo tra Afghanistan e Pakistan. Ma il successore ‘definitivo’ piu’ accreditato rimane sempre l’egiziano Ayman al-Zawahiri, numero due di al-Qaeda quando Bin Laden era ancora in vita.

Fonti dell’anti-terrorismo saudita sostengono che al-Adel  è il responsabile di un’ondata di attentati nella monarchia di re Abdullah a partire dal maggio 2003. E’ sospettato, inoltre, di aver avuto un ruolo di primo piano negli attacchi contro le ambasciate americane di Nairobi e Dar es Salaam nel 1998. E non solo.

Il miliziano ha combattutto i sovietici in Afghanistan negli anni Ottanta. Secondo la ‘Cnn’, dopo la caduta a Kabul dei Talebani nel 2001, è riparato in Iran e quindi in Pakistan, dove e’ diventato uno dei leader riconosciuti del movimento. Sulla sua testa pende una taglia di cinque milioni di dollari.

© Riproduzione Riservata

Commenti