I due alleati a confronto dopo l’inatteso tracollo delle amministrative. Il Cavaliere rassicura: “va tutto bene” Berlusconi-Bossi, l’amore al sapor di scenaggiata continua. “Vorrei rassicurare tutti: adesso vedo Bossi; l’ho sentito ieri, state tranquilli con lui va tutto bene”. È il ragionamento che Silvio Berlusconi, secondo fonti governative concordanti, ha svolto nel corso della riunione del Consiglio dei ministri che, convocato a Palazzo Chigi, è durato circa 20 minuti il Consiglio dei Ministri in programma giovedì a Palazzo Chigi.  Tra Umberto Bossi e il premier Silvio Berlusconi è il primo faccia a faccia dopo il voto amministrativo e il raccondo di una gelida telefonata subito dopo il responso delle urne.

«Silvio Berlusconi, nel corso del Consiglio dei ministri, si è raccomandato con i presenti sulla necessità di mostrare compattezza anche attraverso la presenza in Aula. A riferirlo fonti governative, che spiegano come il premier abbia ridimensionato le ripetute battute di arresto verificatesi ieri a Montecitorio: episodi come quello di ieri sono marginali, ha ragionato il presidente del Consiglio, ma sono incidenti che vengono enfatizzati dai media e strumentalizzati dalle opposizioni. Per questo è opportuno fare di tutto per evitare assenze.

Ma in definitiva Berlusconi e Bossi sembrano più che altro condannati a stare insieme e per adesso non hanno alternative. La Lega serve al Cavaliere per non affondare e il Cavaliere serve alle Lega in attesa di trovare una futura alternativa politica nel panorama nazionale.

© Riproduzione Riservata

Commenti