L’emergenza continua. Napoli brucia con la nuova emergenza rifiuti. Superlavoro per i vigili del fuoco impegnati notte e giorno per spegnere gli incendi che colpiscono città e provincia. Una preparazione tecnica costante degli operatori, un aggiornamento continuo e l’utilizzo di apparecchiature sempre più sofisticate e tecnologicamente avanzate hanno reso il lavoro più sicuro.

«Ma a Napoli – spiegano – in una città dalle mille sfaccettature e diversità, aggiungiamo alla nostra preparazione anche un pizzico di creatività che ci aiuta a risolvere le situazioni meno codificate»

Non vogliono che qualcuno li definisca «eroi» poiché il loro lavoro si è evoluto nel tempo: si è passati dai «sacerdoti del fuoco» a «professionisti del fuoco». Ogni rischio, oggi, è calcolato.

Il quaotidiano napoletano “Il Mattino” ha raccontato in un viaggio-video l’enorme lavoro che i pompieri del comando provinciale di Napoli svolgono giorno dopo giorno silenziosamente, nonostante le mille difficoltà in cui sono costretti ad operare.

E pensare che Berlusconi e il governo continuano a sbandierare a quattro venti di aver ripulito la città di Napoli dall’emergenza rifiuti.

Difficile capire che film abbiano visto, in quale pianeta vivono e come possano credere che la gente sia forse così stupida da non accorgersi della situazione: quella reale e drmmatica, che è sotto gli occhi di tutti.

© Riproduzione Riservata

Commenti