Un’auto scomparsa da otto anni e le ossa di un corpo umano. Gli elementi del giallo ci sono tutti: le acque della laguna a Porto Marghera hanno restituito una Lancia Thema blu. L’auto, avvistata da alcuni operai della zona, appartiene a Giampaolo Gaggiato, 52enne, dipendente pubblico mestrino. La famiglia dell’uomo ne aveva denunciato la scomparsa il 14 agosto del 2003. La madre aveva rivolto un appello anche a “Chi l’ha visto”, ma da allora non si avevano più avuto sue notizie. Nel corso della trasmissione era stato Valerio Gaggiato, fratello di Giampaolo, a ricostruire gli ultimi movimenti del fratello. “Ha messo la moto nel garage, ancora con i pantaloni tutti bagnati, poi è salito in macchina ed è partito. Non ha nemmeno avuto il tempo necessario per prendere i documenti sotto la sella, per cambiarsi i pantaloni. E’ partito così. Quindi per questo pensiamo che l’appuntamento doveva risolversi in mezz’ora, dieci minuti”.

All’interno dell’auto i sommozzatori della Polizia di Stato, al lavoro da diverse ore per il recupero del mezzo, hanno rinvenuto dei resti di un corpo umano, ma al momento non c’è nessuna conferma del fatto che si tratti dei resti di Gaggiato.

© Riproduzione Riservata

Commenti