Paulo Henrique Ganso ha scelto il Milan. Le minacce del presidente del Santos proprio al Milan e all’Inter paventavano nuovi scenari per il futuro del giocatore ma da quanto si apprende dal Brasile il giocatore sarà rossonero ad ogni costo. Luis Alvaro de Oliveira Ribeiro, presidente del club, ha capito di esser stato scavalcato dalla DIS (coproprietaria del cartellino al 45%) e dalla volontà dello stesso giocatore e l’ipotetico esposto contro le milanesi è solo un tentativo per alzare le quotazioni del cartellino. Come stanno realmente le cose le spiega Thiago Ferro, presidente della Dis “La volontà di Ganso di trasferirsi in Europa è chiara ed è stata espressa al Santos. Non è un problema di soldi, se fosse un mercenario avrebbe accettato subito l’aumento offerto. Per il ragazzo è il sogno della vita giocare in Europa, precisamente in Italia e la sua predilezione è il Milan”.

“Se possa realizzare questo sogno in due mesi, in sei o in un anno non lo sappiamo, i problemi nascono quando il club ha un desiderio e il giocatore un altro. Ma siamo sicuri che in pochi giorni si arriverà alla fine di questa telenovela, e tutti saranno contenti”.

E’ chiaro a questo punto che il Milan detiene l’ok del ragazzo e della “DIS” mentre il Santos pur proprietaria del 45% si trova in inferiorità e quindi costretta ad avallare la volontà del giocatore.

Se la resistenza del club non dovesse comunque affievolirsi pare che si possa ricorrere alla momentanea cessione al Corinthians con la regia di Ronaldo e quindi raggiungere l’Italia dopo il Brasilerao.

Decisiva sarebbe stata la mediazione e il pressing di Thiago Silva. Il difensore milanista ha dichiarato che “sta telefonando ogni giorno a Ganso per convincerlo a raggiungerlo al Milan”.

Non ho dubbi, lui giocherà nel Milan. Ho detto a Galliani che non possiamo permettere che vada all’Inter, Ganso è un fuoriclasse e dobbiamo acquistarlo noi”, ha detto Thiago riguardo al futuro del fantasista attualmente in forza al Santos.

© Riproduzione Riservata

Commenti