Eccezionale scoperta: sarebbero stati, infatti, ritrovati in Terra Santa i chiodi della croce di Gesù Cristo. La rivelazione arriva proprio dall’autore del documentario “I chiodi della croce”, un investigatore israeliano, che sostiene di aver ritrovato i chiodi con i quali Cristo venne inchiodato al legno sul Golgota. I due pezzetti di ferro sono stati ritrovati nel 1990 in una tomba a Gerusalemme, ma finora nessuno li aveva collegati alla morte di Gesù. Lo ha fatto l’investigatore Simcha Jacobovici con un film che, dopo tre anni di ricerche, presenta le sue asserzioni. La cui pecca è però quella di non avere basi scientifiche, benché la ricostruzione possa apparire decisamente verosimile anche se scienziati e storici l’hanno immaediatamente bollata come una semplice trovata pubblicitaria.

Jacobovici sostiene di aver ritrovato il sepolcro di Gesù, e spiega che è differente da tutte le altre nella zona per il suo contesto storico e archeologico. Anche se, ammette lui stesso, “posso dire con una certezza del 100% che questi sono i chiodi con i quali è stato crocifisso Cristo? No, non posso”.

Il film inizia con una panoramica sulla tomba scoperta nel 1990, che molti archeologi hanno immediatamente identificato come il sepolcro del gran sacerdote Caifa, colui che – stando al nuovo testamento – ha presieduto il “processo” contro Gesù. Nella tomba sono stati scoperti due chiodi di ferro, uno a terra e uno all’interno di un ossario; secondo il documentario, entrambi sono misteriosamente spariti subito dopo il ritrovamento. Jacobovici sostiene di averli rintracciati, dopo vent’anni, nel laboratorio di Tel Aviv di un antropologo esperto in ossa antiche.

Secondo Jacobovici, questi due chiodi “sono stati indiscutibilmente impiegati per una crocifissione, e siccome Caifa è stato coinvolto solo ed esclusivamente nella crocifissione di Gesù, è ovvio che quei chiodi siano quelli che hanno trafitto Cristo”.

Una conclusione, questa, che non convince né gli storici né gli archeologi, e tantomeno l’autorità archeologica israeliana, secondo la quale l’identificazione non viene provata oltre ogni ragionevole dubbio.

Sono in tanti ad interrogarsi sulla fondatezza di questa scoperta: si tratta davvero dei chiodi della crocifissione di Gesù? Il dibattito tra gli esperti sembra solo all’inizio.

L’ennesimo grande dilemma si aggiunge ad altri misteri, come quello della tomba di Gesù, di cui vi proponiamo le straordinarie immagini di un documentario di Discovery Channel’s.

© Riproduzione Riservata

Commenti