Le famiglie degli alunni del “Comprensivo 1” hanno presentato in Comune una petizione per la riapertura, e dunque la ristrutturazione, della vecchia scuola elementare Vittorino da Feltre. I genitori hanno effettuato in queste settimane una raccolta di firme sul territorio, che adesso è stata protocollata a Palazzo dei Giurati, per sollecitare il ritorno dell’istruzione nella storica sede che dal 1955 ha ospitato intere generazioni di taorminesi, e chiusa ormai dalla fine del 2004 per problemi con le normative anti-sismiche.

Sui circa 60 fogli della petzione sono state apposte 1166 firme. Una delegazione di genitori ha incontrato in Comune il sindaco Mauro Passalacqua, il vicesindaco Giuseppe Calabrò, e gli assessori Antonella Garipoli e Carmelo Valentino. Al termine della riunione si è deciso che la “Vittorino da Feltre” verrà ristrutturata e tornerà ad essere utilizzata come scuola, e quando sarà nuovamente disponibile accoglierà sia le elementari che le medie.

Questa la posizione espressa dalla Giunta. La “Ugo Foscolo”, che è da sempre sede della Scuola Media, e che dal 2004 accoglie anche le Elementari, dovrebbe essere destinata a diventare un Centro sociale per i giovani. Quest’ultima soluzione del centro sociale era stata in precedenza ipotizzata dall’Amministrazione per la “Vittorino da Feltre” e si era scatenata un’aspra polemica e la reazione delle famiglie.

Ora, come detto, si è arrivati ad un punto di intesa. Sempre in base agli impegni presi dalla Giunta, nelle prossime ore ci sarà un summit con la Ragioneria del Comune per verificare i margini economici di manovra nei quali muoversi per ristrutturare le Elementari.

Si pensa all’accensione di un mutuo presso la Cassa Depositi e Prestiti. Una scelta sulla cui fattibilità dovrebbe, in ogni caso, poi pronunciarsi il Consiglio comunale. Almeno nelle intenzioni, insomma, potrebbe esserci una svolta all’orizzonte.

Ora si dovrà capire quando e come potranno essere avviati i lavori di riqualificazione e messa a norma della “Vittorino da Feltre”, a sette anni di distanza dalla chiusura.

Le famiglie hanno chiesto nella petizione: “che vengano al più presto acquisiti agli atti e resi noti i risultati della verifica statica e sismica del fabbricato de qua di cui alla determina sindacale n. 94 del 18/09/2009; che vengano espletate tutte le procedure e gli eventuali lavori necessari che possano condurre all’immediata riapertura della “Vittorino da Feltre”, destinandola all’unico uso per cui l’edificio venne realizzato, riportando le classi elementari al loro posto, e che la questione, di primaria importanza e urgenza, venga affrontata in Consiglio Comunale, organo democratico massimo della città, che rappresenta tutte le famiglie della città”.

© Riproduzione Riservata

Commenti