Gianluigi Buffon e Marco Storari,storie a confronto e destini incrociati. Il primo è stato eletto miglior portiere del Mondo dell’ultimo decennio, il secondo si è fatto strada in punta di piedi, esplodendo alla Samp e trovando infine la consacrazione a Torino. L’infortunio che ha perseguitato il numero uno bianconero ha regalato a Storari la chance di mettersi in luce, una di quelle chance che ti capita una sola volta nella vita e che l’ex doriano ha saputo cogliere e sfruttare al meglio. Ha trascorso sei mesi tra i pali della Juventus e le sue prestazioni maiuscole non hanno fatto rimpiangere nemmeno per un istante il campione del Mondo, parcheggiato ai box per problemi alla schiena. Tutto fila liscio sino a gennaio, quando Buffon, pienamente recuperato dall’infortunio, torna al suo posto.

Il supplente è costretto a farsi da parte per ridare spazio all’ingombrante professore di ruolo, perchè questo impone la legge dei numeri primi. Tuttavia, niente vieta, neppure le gerarchie, di provare a tracciare un confronto sulla base dei numeri. Come si suol dire in questi casi, carta canta.

Posto che Buffon, causa infortunio, ha all’attivo la metà delle presenze rispetto a Storari, il bilancio parla di 4 vittorie, 3 pareggi e 4 sconfitte per il portierone azzurro, e 9 successi, 7 pareggi e 6 ko per il suo vice. 12 le reti subite dal numero uno bianconero, 28 quelle incassate dall’ex doriano.

Tirando le somme, la Juventus targata Buffon ha collezionato 15 punti in 11 partite disputate mentre quella di Storari, 34 in 22 gare. La media punti a partita gioca a favore del secondo, che numeri a parte, ha dimostrato di essere più che all’altezza del gravoso incarico. Talmente all’altezza da aver messo in discussione le gerarchie. L’ultima strepitosa prestazione è stata quella sfoggiata all’Olimpico.

Un attacco di tonsillite, vero o presunto che sia, ha costretto Buffon a seguire il big match contro la Roma a letto, mentre al suo posto, un egregio supplente, con tre miracoli ogni quarto d’ora, ha letteralmente rapito il cuore dei tifosi e, con molta probabilità, anche quello della società, che ora più che mai non può più far finta di nulla.

Adesso l’impressione è che Buffon sia in uscita (destinazione Roma?) e Storari rimarrà alla Juve, stavolta per fare il titolare a tempo pieno.

© Riproduzione Riservata

Commenti